Skip to content Skip to footer

L’antico ricamo che diventa idea d’impresa

Francesca Alferi ha trasformato la passione per l’antica tecnica del “pizzo chiacchierino” in un’idea imprenditoriale di gioielleria. E grazie a Invitalia ha potuto ampliare la propria attività.

 

di Andrea Ballocchi

 

Si chiama pizzo chiacchierino ed è un’antica tecnica di ricamo che si svolge grazie a una serie di anelli, nodi e catene e con l’utilizzo di particolari attrezzi chiamate “navette”. Quest’arte plurisecolare, debitamente personalizzata e aggiornata, viene usata da Francesca Alferi che a Santo Stefano Quisquina, in provincia di Agrigento, ha aperto un laboratorio-boutique di gioielleria artigianale che ha attirato un crescente interesse. Così l’imprenditrice siciliana ha deciso di ampliare la propria clientela e ha ottenuto da Invitalia un finanziamento di 45mila euro (cui se ne sono aggiunti 20mila dal Dl Rilancio) dell’incentivo Resto al Sud per consolidare le proprie basi e aprirsi a un mercato potenziale più vasto, puntando sul web e sull’e-commerce.

Pizzo chiacchierino, una passione trasformata in mestiere

«Fiori d’Arancio nasce da una passione coltivata sin da piccola e che condivido con mia sorella, imparata alle scuole elementari, per il pizzo chiacchierino. È una tecnica che abbiamo imparato e personalizzato e che volevamo divulgare e far conoscere, rinnovando un’antica tradizione che rischiava di scomparire o di restare nel buio dei cassetti», afferma Francesca Alferi.

Per rinnovare la tecnica, l’imprenditrice e la sorella Marilena l’hanno impreziosita e valorizzata con cristalli e pietre semipreziose, tramutando i lavori in gioielli. Così il pizzo chiacchierino è rinato sotto una nuova luce e si rinnova un’antica tecnica, che pare risalga al XVII secolo, conosciuta con vari nomi e che veniva utilizzata per realizzare centrini, bordure e tende che abbellivano e rendevano eleganti le tenute nobiliari. Il nome deriva dal termine francese “frivolitè” (frivolezza) e si è sviluppato particolarmente nel periodo Vittoriano durante il quale le nobildonne si ritrovavano nei salotti a ricamare e chiacchieravano tra loro. Da qui ha assunto il nome di pizzo chiacchierino in Italia, impiegato per realizzare centrini, bordure e tende che abbellivano e rendevano eleganti le tenute nobiliari.

Modernizzare un processo antico

La tecnica è praticata a vari livelli e con l’impiego di una o due navette, quest’ultima più complicata, ma più raffinata e alla base del lavoro condotto dalle fondatrici di Fiori d’Arancio. La passione per la tecnica ha portato Francesca a scegliere una strada del tutto nuova rispetto agli studi (è laureata in Psicologia del lavoro).

Le artigiane di Fiori d’Arancio dedicano ore e sacrificio nel raffinare e modernizzare il processo, attraverso la ricerca di pietre naturali e cristalli che creano contrasti affascinanti ed universali e filati di alta qualità i cui archi, foglie e “pippiolini” combinati tra loro danno luogo a figure geometriche uniche. «Si arriva anche a 6-7 ore di lavoro per realizzare un paio di orecchini», ricorda Francesca, aggiungendo che la produzione è artigianale, pari a tremila pezzi l’anno. Ma le loro creazioni sono richieste in varie gioiellerie d’Italia e anche all’estero.

L’incontro con Invitalia

Fiori d’Arancio è un’attività nata nel 2019, un anno prima della pandemia. «Eravamo partite bene, con ordini per migliaia di euro. Poi è arrivato il Covid-19 e il lockdown che hanno di fatto bloccato la nostra attività», ricorda l’imprenditrice e artigiana. Il contraccolpo è stato per fortuna assorbito grazie al finanziamento di Invitalia e all’e-commerce, avviato in modo da portare avanti l’attività.

L’accesso al finanziamento è stato rapido: «abbiamo svolto il colloquio in digitale a marzo, presentando il progetto e a giugno abbiamo avuto l’esito», racconta la titolare dell’attività che ricorda la grande attenzione e disponibilità da parte degli addetti dell’Agenzia nazionale per lo sviluppo, sottolineando la precisione nei controlli di rito per verificare che il finanziamento sia effettivamente investito.

Grazie a questa iniezione finanziaria l’azienda ha potuto avere la forza necessaria per proseguire la propria attività e proporsi anche nelle fiere del settore. Ha anche avuto l’attenzione di una nota influencer e modella come Natalia Paragoni, che ha scelto di indossare i gioielli di Fiori d’Arancio per un evento di moda.

Dal passato al futuro: il ricamo diventa l’idea per un Museo

Per il futuro Francesca e Marilena puntano sul settore della moda da sposa. Hanno raccolto l’interesse e contatti con un operatore che segue svariati atelier dedicati. L’intenzione è anche di far conoscere e tramandare la tecnica ed è per questo che Francesca ha contattato enti formativi.

Non solo: «Intendiamo creare un Museo del ricamo, dando spazio e visibilità anche al pizzo chiacchierino. L’idea l’abbiamo condivisa col Comune di Santo Stefano Quisquina e decollerà grazie anche ai fondi del Pnrr per valorizzare il territorio e i borghi. Il progetto è stato autorizzato, abbiamo ottenuto circa 1,6 milioni di euro e così partiremo, individuando luogo e modalità migliori per allestirlo», conclude Francesca Alferi.

 

 

 

 

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

Nuove risorse per la conservazione dei beni al Sud
Il progetto Changes porterà grandi risorse al Mezzogiorno per la valorizzazione dei beni culturali e per il diritto delle comunità…
Andrea Lecce
For Funding, proprio per tutti
Accessibile a tutti, la piattaforma di crowdfunding di Intesa Sanpaolo continua a sostenere il Terzo settore con operazioni sempre molto…
Un impulso all’inclusione di adolescenti e ragazzi
Sta per scadere la call per la costituzione di spazi multifunzionali per adolescenti su tutto il territorio nazionale. La dotazione…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: