Skip to content Skip to footer

Riapre lo sportello per il Bonus export digitale

Export digitale

Come comunicato da Invitalia di recente, anche le piccole imprese manifatturiere potranno accedere all’incentivo volto a sostenere le aziende nella loro attività di internazionalizzazione attraverso piattaforme e servizi di e-commerce.

 

di Roberto Antiseri

 

Il bonus lanciato a primavera dello scorso anno e chiusosi il 15 luglio 2022 è stato prorogato e nuovamente messo in cantiere per la disponibilità di fondi residui. Si tratta di una misura messa a disposizione dal ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale in collaborazione con l’agenzia Ice, Istituto per il commercio estero, il cui contributo punta a sostenere le microimprese nelle loro azioni di internazionalizzazione attraverso l’impiego delle tecnologie digitali.

La novità, oltre alla riapertura del bando, è che potranno accedere al bonus anche le piccole imprese, purché iscritte al registro delle imprese. A breve verrà fissata la scadenza per la presentazione delle domande.

Requisiti richiesti e spese ammissibili

Per poter accedere all’incentivo le microimprese e le piccole imprese manifatturiere, anche costituite in forma di reti o consorzi, devono avere la sede in Italia, essere rappresentate dal codice Ateco C ed essere competenti in processi di sviluppo d’impresa e di digital transformation per l’export. Sono quindi compatibili con le caratteristiche del bando le richieste provenienti dalle industrie alimentari, quelle del legno e dei mobili, quelle legate alla confezione di articoli di abbigliamento, di articoli in pelle e pelliccia, della fabbricazione di prodotti in metallo, nonché le numerose attività manifatturiere relative alla realizzazione di gioielli, macchinari e apparecchiature, stampa, pelle, gomma, plastiche, chimici, elettronica, elettromedicali.

Naturalmente s’identificano come “microimpresa” manifatturiera le piccole società, le ditte individuali e artigianali con un numero di dipendenti inferiore a 10 e con un fatturato non superiore a 2 milioni di euro, mentre per “piccola impresa” si intende l’impresa con un numero di dipendenti inferiori a 50 e con un fatturato annuo non superiore a 10 milioni di euro.

Come per la precedente misura del 2022, gli importi dei contributi riconosciuti dal bonus ammontano a 4mila euro a microimprese e piccole imprese a fronte di spese ammissibili non inferiori, al netto dell’Iva, a 5mila euro, e di 22.500 euro alle reti e ai consorzi a fronte di spese ammissibili non inferiori, al netto dell’Iva, a 25mila euro.

Le spese ammissibili

Per quanto riguarda le spese ammesse, le tipologie che permettono di accedere al bonus spaziano dalla realizzazione di sistemi di e-commerce verso l’estero, siti o app, fino alla realizzazione di sistemi complessi di e-commerce che prevedano l’automatizzazione delle operazioni di trasferimento, l’aggiornamento e la gestione degli articoli da e verso il web. Tra le spese e i servizi che permettono di accedere ai contributi del bonus c’è anche la realizzazione di servizi accessori all’e-commerce, i servizi di Content management system, le operazioni di digital marketing, la realizzazione di una strategia di comunicazione, informazione e promozione per l’export digitale, l’abbonamento a piattaforme Software as a service, l’upgrade di dotazioni hardware per lo sviluppo di processi organizzativi e i servizi di consulenza per lo sviluppo di processi organizzativi e di capitale umano.

Modalità di richiesta del Bonus

Richiedere il contributo è piuttosto semplice e veloce, bastano pochi minuti per compilare e trasmettere la domanda. Una volta effettuato l’accesso con Spid al link https://sso-padigitale.invitalia.it/Account/Login, occorre selezionare la misura Bonus per l’export digitale e seguire la procedura informatica guidata. Nella sezione Presenta la domanda sono inoltre presenti i manuali guida per la compilazione e trasmissione della domanda. Ovviamente ciascuna microimpresa o piccola impresa, singolarmente o tramite una rete o un consorzio, può presentare una sola richiesta di contributo.

Il nuovo termine per la presentazione della richiesta sarà fissato a breve con un nuovo provvedimento pubblicato sulla pagina di Invitalia dedicata al Bonus export digitale.

 

 

 

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

Internazionalizzare l’impresa si può
Grazie allo stanziamento del Decreto Sostegni Bis, ben 1,2 miliardi sul Fondo 394 e 400 milioni sul Fondo di Promozione…
Servizio civile universale: il gran goal del Pnrr
Il Pnrr è riuscito a introdurre in un contesto educativo non formale, quale è il servizio civile, una serie di…
Disabilità: un bando per creare periferie inclusive
Dal ministero per le Disabilità 10 milioni di euro per migliorare la qualità della vita di persone in condizione di…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: