Skip to content Skip to footer

WeDo: creare valore attraverso l’inclusione sociale

We Do

Prima edizione di WeDo 4 Social Inclusion, la nuova iniziativa di Sisal e Rete del Dono a sostegno del mondo non profit con focus su digital divide, disabilità, donne e sport. Scadenza bando fissata al 31 luglio.

di Alessandro Battaglia Parodi

Nasce dalla volontà di supportare gli enti non profit italiani il nuovo contest WeDo 4 Social Inclusion in scadenza il prossimo 31 luglio. L’obiettivo è fornire loro un piccolo sostegno finanziario e nuovi strumenti per aiutarli a diventare più autonomi e sostenibili economicamente. L’iniziativa è sviluppata da Sisal, che opera nel settore del gioco ed è presente sul territorio nazionale con una rete di circa 45mila punti vendita, in partnership con Rete del Dono, la piattaforma leader in Italia per l’ideazione e lo sviluppo di campagne di raccolta fondi online.

Gli obiettivi del contest

WeDo 4 Social Inclusion è un’iniziativa nata all’interno di WeDo, il programma di solidarietà aziendale di Sisal, azienda che ha come asse portante della propria Corporate social responsibility il tema dell’inclusione nelle sue declinazioni all’interno e all’esterno dell’azienda. La call si rivolge a tutte le organizzazioni non profit italiane, in particolare nei territori di Milano, Lecco, Roma e Torino, e si propone di aiutarle a raggiungere alcuni obiettivi importanti come la promozione dell’inclusione sociale delle donne o delle persone con disabilità, oppure progetti di integrazione attraverso lo sport o l’adozione di metodologie digitali e strumenti innovativi di raccolta fondi. Non meno importanti sono gli obiettivi di favorire la sostenibilità economica delle organizzazioni del territorio rafforzandone le competenze, il coinvolgimento attivo delle comunità locali e l’incremento della raccolta fondi con un matching gift, ossia un meccanismo attivabile dalle aziende aderenti che consiste nell’erogazione di un importo equivalente a parte dell’importo donato dai propri dipendenti, aumentando così l’effetto e la portata dei progetti finanziati.

A chi si rivolge e gli ambiti di riferimento

Possono candidarsi e partecipare all’iniziativa le organizzazioni non profit con esclusiva finalità sociale o benefica come le fondazioni, le associazioni, i comitati, le organizzazioni di volontariato, le imprese sociali, le organizzazioni non governative, le associazioni e società sportive dilettantistiche, le associazioni di promozione sociale e tutti gli altri enti del terzo settore. La registrazione al Runts rappresenta un plus per la candidatura ma non è vincolante. I focus tematici di WeDo 4 Social Inclusion sono quattro: il primo riguarda la promozione dell’uguaglianza di genere e il contrasto alle discriminazioni, fornendo alle donne pari opportunità in vari ambiti della società, come l’educazione, il lavoro e la partecipazione politica. Il secondo focus è sulla disabilità e mira a favorire l’integrazione e la partecipazione di individui con disabilità in tutti gli ambiti della vita sociale, educativa e lavorativa. Il terzo è riferito allo sport intende rendere l’attività fisica e lo sport accessibili a tutti, indipendentemente da abilità, età, genere o background. Infine c’è il focus sulla tecnologia che ha l’obiettivo di ridurre il divario digitale garantendo a tutti, indipendentemente dal genere, dall’età, dalla situazione economica o dall’ubicazione geografica, l’accesso alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Selezione delle candidature e percorso di formazione

I progetti presentati parteciperanno a una prima selezione svolta da una giuria di esperti che designerà i sei progetti semifinalisti. Una seconda selezione comporterà invece una valutazione da parte dei dipendenti di Sisal tramite votazione interna. I tre progetti più votati saranno i finalisti. L’entità del contributo per i sei progetti semifinalisti selezionati è di mille euro che verranno assegnati immediatamente, a cui si aggiunge un matching gift che può arrivare a un massimo di 8mila euro e che verrà assegnato ai tre progetti finalisti entro quattro mesi dalla chiusura della raccolta fondi. I sei semifinalisti partecipazione a un percorso di formazione sui temi del digitale, del fundraising e del crowdfunding, distribuiti in quattro incontri online. Il percorso è obbligatorio e propedeutico alle fasi successive e si conclude con la presentazione del progetto ai dipendenti di Sisal. I tre progetti più votati saranno i vincitori che parteciperanno al Crowdfunding Lab, una sessione operativa di quattro ore in presenza, mirata a mettere in pratica quanto appreso durante il percorso formativo. I partecipanti, suddivisi in gruppi di lavoro, saranno guidati nello strutturare e pianificare la propria campagna di crowdfunding. A conclusione si organizzerà una plenaria di condivisione e confronto del lavoro svolto. Il crowdfunding lab si svolgerà a Milano il 5 novembre.

Tempistiche e modalità di presentazione della domanda

La presentazione dei progetti da parte dei candidati deve avvenire entro le ore 23:59 del 31 luglio tramite il form pubblicato su Rete del Dono. La roadmap del contest prevede la pubblicazione dei sei progetti semifinalisti il prossimo 9 settembre, mentre tra il 18 settembre il 9 ottobre si svolgerà il percorso di formazione, ogni mercoledì pomeriggio. Il 22 ottobre si terrà la presentazione ufficiale dei progetti semifinalisti ai dipendenti Sisal, tra il 22 e il 30 ottobre avverrà la votazione dei dipendenti, mentre il 31 ottobre ci sarà la pubblicazione dei tre progetti finalisti. Il 5 novembre si terrà il Crowdfunding lab e il 14 novembre verrà lanciata la campagna di crowdfunding sulla piattaforma Rete del Dono che si concluderà il 14 febbraio 2025. Per maggiori informazioni sul bando, sulle sue particolarità e sui dettagli economici consultare la pagina web dedicata e il Regolamento ufficiale.

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

La cultura si fa innovativa con Cte CoBo
La call del Comune di Bologna si rivolge alle imprese innovative italiane per lo sviluppo di progetti culturali e creativi…
Neet: quando il talento incontra l’opportunità
La call “Vivere il talento” lanciata da Fondazione Tim creerà nuove opportunità per l'orientamento dei giovani esclusi dal sistema educativo.…
marketing arte
Tante arti in un unico territorio
Come il marketing dei beni culturali può creare reti e sinergie con gli altri “attrattori” presenti sul territorio senza per…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: