Skip to content Skip to footer

Beni confiscati: un’opportunità per il Terzo settore

Scade il 1° marzo il bando per assegnare i beni confiscati alle mafie agli enti del Terzo settore per progetti di prevenzione e riabilitazione in materia di dipendenze.

 

di Diego Pietanza

 

Sta per chiudersi l’avviso pubblico per l’individuazione di enti e associazioni cui assegnare a titolo gratuito beni immobili confiscati alle mafie per la realizzazione di progetti di prevenzione, cura e riabilitazione in materia di dipendenze comportamentali e da sostanze. La misura è promossa dall’Anbsc, Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata e permetterà il riuso di strutture confiscate in coerenza con i dettami del Codice antimafia.

A chi si rivolge

Lo scopo ultimo del bando è la valorizzazione degli immobili confiscati permettendo alle comunità colpite dal fenomeno mafioso di riappropriarsi delle risorse sottratte illecitamente alla collettività. Per ottenere quest’obiettivo l’Anbsc mette questi beni al servizio della cittadinanza attiva attraverso l’incentivazione del protagonismo di quegli enti del Terzo settore in grado di conciliarne il riuso con il raggiungimento della prevenzione, della cura e della riabilitazione in materia di dipendenze, intercettando soggetti di tutte le fasce di età affetti o a rischio di sviluppare dipendenze patologiche da gioco d’azzardo, sostanze alcoliche, stupefacenti o psicotrope. Possono quindi partecipare al bando i soggetti iscritti al Registro unico nazionale del Terzo settore che svolgono, da atto costitutivo o per statuto, attività e servizi coerenti con l’oggetto del bando e che sono in possesso dei requisiti di idoneità per stipulare convenzioni con la pubblica amministrazione, con particolare riferimento ai requisiti antimafia. I soggetti del Terzo settore interessati a partecipare al bando devono inoltre essere formalmente costituiti da almeno tre anni e aver svolto nell’ultimo triennio almeno un servizio analogo a quello oggetto della domanda di partecipazione

Le diverse aree di intervento

I progetti potranno svilupparsi secondo diverse linee di azione che spaziano dai servizi di ascolto, counselling informativo ed accompagnamento psicologico, anche telefonico, fino agli interventi di prevenzione e di avvio a percorsi di reinserimento sociale e lavorativo. Tra le linee di azione sono comprese anche le azioni volte a favorire la socializzazione degli utenti delle comunità terapeutiche, così come i percorsi, anche a carattere residenziale, di prevenzione, cura e riabilitazione in materia di dipendenze, e tutte le iniziative volte alla prevenzione di fenomeni di violenze di gruppo correlate alle dipendenze patologiche. I progetti dovranno assicurare il coinvolgimento di operatori formati ed esperti, in possesso delle competenze e delle qualifiche professionali richieste dalla legge per lo svolgimento delle attività previste. Dovrà inoltre essere previsto il coinvolgimento di almeno uno psicologo e di un medico. In caso di raggruppamenti temporanei i requisiti di capacità tecnica e professionale devono essere posseduti almeno dal capofila, il quale dovrà realizzare almeno il 60% delle attività e delle relative spese previste nella proposta progettuale.

La dotazione finanziaria e i lotti disponibili

L’Anbsc compartecipa alla fase di startup dei progetti selezionati con la messa a disposizione di un contributo finanziario complessivo di 1 milione di euro per iniziative di riuso di ben 83 lotti sparsi in tutta Italia. Il contributo sarà erogato ai progetti maggiormente meritevoli, sulla base della graduatoria di merito, fino a esaurimento del plafond stanziato, nella misura del 20% del valore della proposta progettuale, come comprovato nell’ambito del Piano economico-finanziario, e comunque fino a un importo massimo di 50mila euro. I lotti individuati dall’agenzia verranno assegnati gratuitamente per la durata di 10 anni, rinnovabile una sola volta al termine del primo decennio ed è fatto espresso divieto di subassegnare i beni ad altri soggetti sotto qualsiasi forma o a mezzo di qualsivoglia strumento giuridico.

Presentazione della domanda e scadenze

I progetti dovranno essere presentati per posta ordinaria entro le ore 12:00 del 1° marzo in unico plico trasmesso con raccomandata all’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, via Ezio 12/14, 00192 Roma. Per informazioni più dettagliate sulle modalità di presentazione della domanda consultare il documento ufficiale del bando.

I soggetti interessati a partecipare al bando possono chiedere ulteriori informazioni e chiarimenti entro e non oltre i cinque giorni antecedenti la deadline all’indirizzo mail bandoterzosettore@anbsc.it.

 

 

 

 

 

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

Birrificio Parthenya
Parthenya, la birra circolare nata in Campania
Parthenya è l’ecobirrificio artigianale creato da due under 30 per produrre birra di qualità in modo sostenibile. Ha recentemente ricevuto…
Karadjov
Brescia Musei, la forza identitaria di una città
Valorizzare al massimo il patrimonio artistico cittadino creando sinergie strategiche con le realtà del territorio. È quanto sta accadendo a…
Mobility as a service
Mobility as a service: la sfida è partita!
Il Mobility as a service rientra nell’investimento 1.4.6 del Pnrr che ha messo sul piatto ben 40 milioni di euro…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: