Skip to content Skip to footer

Terzo settore: una spinta per ripartire

Oltre 14 milioni di euro a supporto dell’attività ordinaria degli enti del Terzo settore da parte della Regione Lombardia, che affianca il proprio contributo a quello di Fondazione Cariplo e Fondazione Peppino Vismara.

di Marianna Iacoviello

 L’impatto che la pandemia ha generato sul territorio italiano è stato particolarmente significativo anche in ambito sociale e la gestione di questa crisi ha richiesto sforzi maggiori per tanti enti non profit. Da un’analisi condotta a inizio anno sullo stato di salute del Terzo settore lombardo da Fondazione Cariplo in collaborazione con l’Istat, la perdita complessiva del trimestre marzo-maggio 2020 è stata pari a circa un miliardo di euro, oltre 375 milioni di euro in meno rispetto allo stesso periodo nel 2019. Il venir meno di alcune fonti di entrata e l’aumento dei costi per sostenere le nuove sfide, sia in termini di personale che di adeguamento alle disposizioni sanitarie, hanno particolarmente inciso sulla liquidità e sui bilanci. Allo stesso tempo è importante comunque sottolineare la buona capacità dell’intero comparto di rimodularsi velocemente per portare avanti le attività e continuare a essere punto di riferimento della propria comunità.

Il nuovo bando

Oggi l’emergenza non è finita e il ruolo degli Ets è ancora fondamentale per la ripresa e la tutela sociale del Paese ed è prioritario per Fondazione Cariplo proseguire il percorso iniziato lo scorso anno con il bando Lets Go! e contribuire a preservare il tessuto di servizi e iniziative offerte a sostegno e nell’interesse del proprio territorio. Per tale motivo è stata prevista una nuova misura straordinaria di intervento con risorse pari a oltre 14 milioni di euro, di cui 12 milioni messi a disposizione da Regione Lombardia e 2 milioni di euro da Fondazione Cariplo e Fondazione Peppino Vismara.
Il nuovo Bando per il sostegno dell’ordinaria attività degli enti di Terzo settore con scadenza alle ore 16.00 del 29 luglio, si propone di assicurare il sostegno economico per lo svolgimento dell’attività ordinaria di alcuni soggetti del Terzo settore, in modo da consentire loro la tenuta della capacità organizzativa in varia misura pregiudicata dall’emergenza sanitaria e la prosecuzione delle attività di interesse generale da essi svolte. Le richieste pervenute saranno valutate in maniera comparativa in base alla sofferenza economica generata dalla pandemia e al radicamento territoriale delle organizzazioni e il contributo a fondo perduto (in conto esercizio 2021) potrà essere concesso fino a un massimo del 50% della media dei proventi/delle entrate risultanti dai bilanci consuntivi/rendiconti di cassa approvati nel 2018 e 2019 e comunque fino a un massimo di 40mila euro.

Due linee di finanziamento

Il bando prevede due distinte linee di finanziamento: Linea 1 e Linea 2. Potranno partecipare alla Linea 1 le Odv e le Aps iscritte nei registri regionali e provinciali, le articolazioni territoriali e i circoli affiliati alle Aps iscritte nel registro nazionale e le Fondazioni iscritte all’anagrafe delle Onlus.
Potranno invece partecipare alla Linea 2 le organizzazioni che presentano contemporaneamente tre requisiti: il primo è avere beneficiato di almeno un contributo nell’ambito dei bandi e progetti della Fondazione Cariplo o delle Fondazioni di Comunità attive nel territorio lombardo e collegate a Fondazione Cariplo ovvero di Fondazione Peppino Vismara, a titolo di capofila o partner, dal 1/1/2010 al 31/12/2020.
Il secondo requisito è essere iscritte all’anagrafe delle Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (OnluS) o sono Onlus di diritto, a esclusione dei beneficiari della Linea 1. Il terzo requisito è avere finalità statutarie che, oltre a quanto stabilito in via generale dal bando, sono riconducibili ad almeno uno dei seguenti settori: ambientale, artistico-culturale e sociale (con esclusivo riferimento all’inserimento lavorativo di persone in condizioni di svantaggio).
La graduatoria dei soggetti ammessi e finanziati e dei soggetti non finanziati per esaurimento delle risorse disponibili verrà pubblicata sul Bollettino Ufficiale di Regione Lombardia (Burl) e sui siti di Regione Lombardia e Fondazione Cariplo entro il 30 novembre 2021.

Ulteriori risorse per la cultura

L’azione promossa da Fondazione Cariplo fa parte di una strategia più ampia che prevede azioni straordinarie anche per la ripresa delle attività culturali. In questi giorni il consiglio di amministrazione ha destinato al settore complessivamente 14,5 milioni di euro per progetti culturali e per la diffusione della lettura. È inoltre attivo da pochi giorni il nuovo bando “SOS patrimonio” con 2 milioni di euro per interventi di recupero urgenti e prioritari su beni di particolare interesse storico-architettonico. I progetti approvati devono avere durata complessiva tra i 12 e 24 mesi e la richiesta massima di contributo è pari a 150mila euro per messa in sicurezza, indagini diagnostiche e partecipazione dei target per la manutenzione.

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni