Skip to content Skip to footer

Riapre lo sportello che sostiene le imprese sociali

Sono nuovamente disponibili le agevolazioni a sostegno dell’economia sociale in Italia. La misura dispone di circa 200 milioni di euro e intende diffondere e rafforzare la cultura d’impresa nel Terzo settore.

 

di Roberto Antiseri

 

Dal 13 ottobre scorso la misura “Imprese dell’economia sociale” è nuovamente a disposizione per promuovere la diffusione e il rafforzamento dell’economia sociale su tutto il territorio nazionale. L’agevolazione, promossa dal ministero dello Sviluppo economico, finanzia i programmi di investimento delle imprese operanti nell’ambito dell’economia sociale con spese ammissibili comprese tra i 100mila euro e i 10 milioni di euro, sostenendo la nascita e la crescita delle imprese che operano per il perseguimento di meritevoli interessi generali e finalità di utilità sociale.

A chi si rivolge

Possono ottenere il contributo tutte le imprese sociali iscritte nell’apposta sezione del Registro delle imprese, le cooperative sociali e i loro consorzi, le società cooperative aventi qualifica di Onlus e le imprese culturali e creative che alla data di presentazione della domanda abbiano sede sul territorio nazionale, siano regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle imprese e inserite nel Runts, il Registro unico nazionale del Terzo settore, oltre ad aver ricevuto una positiva valutazione del merito di credito da parte di una Banca finanziatrice e disporre di una delibera di finanziamento per la copertura finanziaria del programma di investimenti proposto. Le imprese possono presentare i programmi anche in forma congiunta, fino a un massimo di sei soggetti per consorzio.

Dotazione e ricadute sul territorio

I programmi proposti per il finanziamento devono generare ricadute positive sul territorio con un significativo incremento occupazionale di categorie svantaggiate, l’inclusione sociale di soggetti vulnerabili e il raggiungimento di specifici obiettivi volti alla valorizzazione e salvaguardia dell’ambiente, alla rigenerazione urbana e al turismo sostenibile nonché alla sostenibilità ambientale dell’attività d’impresa. Le richieste di contributo dovranno inoltre riguardare progetti in grado di raggiungere specifici obiettivi di salvaguardia e valorizzazione dei beni storico-culturali o al perseguimento di finalità culturali e creative o di rilevante interesse pubblico all’interno di una comunità o di un territorio.

Spese ammesse al contributo

La misura dispone di una dotazione finanziaria complessiva di circa 200 milioni di euro e potrà coprire le spese relative alle immobilizzazioni materiali e immateriali rientranti in alcune categorie specifiche. Le agevolazioni consistono nella concessione di un finanziamento di durata fino a 15 anni, comprensivo di un periodo di preammortamento massimo di 4 anni, al tasso agevolato dello 0,5% annuo. Al finanziamento agevolato deve essere associato un finanziamento bancario, a tasso di mercato e di pari durata, erogato da una banca finanziatrice individuata dall’impresa nell’ambito dell’elenco delle banche che hanno aderito alla convenzione tra il ministero dello sviluppo economico, l’Associazione bancaria italiana e Cassa depositi e prestiti. Il finanziamento agevolato e il finanziamento bancario sono regolati in modo unitario da un unico contratto di finanziamento, per una percentuale di copertura delle spese ammissibili che può raggiungere l’importo massimo dell’80%.

Le categorie di spesa ammesse dalla misura possono riguardare l’acquisto del suolo aziendale nel limite del 10% dell’investimento produttivo complessivo, la ristrutturazione di fabbricati e le opere murarie, le spese per infrastrutture specifiche aziendali, per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie, nonché quelle per l’acquisto di programmi informatici, brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate relative a nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi. Tutte queste spese devono figurare nell’attivo di bilancio dell’impresa beneficiaria per almeno 3 anni per le Pmi e 5 anni per le grandi imprese.

Presentazione domande

Trattandosi di una misura strutturale, le domande di agevolazione possono essere presentate tutto l’anno e senza una specifica scadenza. Le domande possono essere inoltrate a mezzo Pec all’indirizzo es.imprese@pec.mise.gov.it e devono essere sottoscritte dal legale rappresentante dell’impresa o da un suo procuratore mediante firma digitale. Per informazioni più dettagliate è possibile consultare la pagina dedicata, mentre per ulteriori chiarimenti in merito alla normativa di riferimento e alla presentazione delle domande di agevolazione da parte delle imprese, è possibile scrivere all’indirizzo e-mail es.info@mise.gov.it.

 

 

 

 

 

 

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

Accordi innovazione
Accordi per l’innovazione: apre il secondo sportello
Aperto dal 31 gennaio 2023 un nuovo sportello dedicato agli Accordi per l’innovazione che ha l’obiettivo di sostenere iniziative riguardanti…
ItaSolidale
Riparte il bando Energie di Comunità
Giunto alla terza edizione, il bando promosso da ItaSolidale Onlus cofinanzia i progetti più innovativi provenienti dal Terzo settore grazie…
Patto d’impresa Simest 2023-2025: primo anno da record
È quanto emerge dai dati di bilancio 2023 approvato dall’Assemblea degli azionisti di Simest   Può definirsi più che soddisfacente…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: