Skip to content Skip to footer

Smart communities: più servizi digitali con Auroral

Il progetto mira a incrementare l’interoperabilità digitale europea per sviluppare servizi innovativi e superare il gap digitale tra aree rurali e urbane. Il bando scade il 28 giugno.

di Alessandro Battaglia Parodi

 

Giunge alla seconda edizione Auroral, il bando per lo sviluppo delle smart communities finanziato nell’ambito di Horizon 2020, il programma europeo che comprende un consorzio di 30 partner provenienti da 10 Paesi europei. L’obiettivo di Auroral è lo sviluppo di idee progettuali in ambito digitale che siano in grado di migliorare gli ecosistemi per le comunità digitali supportando quelle già esistenti o creandone di nuove. L’intento è quello di utilizzare la digitalizzazione per sviluppare le regioni agricole sotto l’aspetto della crescita economica, del progresso sociale e per contribuire a superare il divario digitale tra aree rurali e urbane. La creazione dell’ambiente digitale di Auroral avviene attraverso la creazione di otto progetti pilota in grandi regioni europee, vale a dire in Portogallo, Austria, Norvegia, Svezia, Finlandia, Spagna e Italia.

Che cos’è il progetto Auroral

Auroral, il cui acronimo sta per Architecture for unified regional and open digital ecosystems for smart communities and wider rural areas large scale application, è iniziato nel 2021 con l’obiettivo di contribuire alla crescita economica nelle aree rurali e di affrontare importanti sfide sociali. Il progetto svilupperà azioni per sostenere la crescita di smart communities sul territorio europeo, cioè aree nelle quali si studiano soluzioni innovative volte a migliorare la resilienza delle piccole comunità sociali ed economiche partendo dai loro punti di forza e basandosi sulle opportunità già offerte a livello locale. Gli obiettivi principali di Auroral sono quelli di collegare e condividere i dati raccolti a livello locale attraverso una piattaforma digitale sicura e rispettosa della privacy riuscendo a coinvolgere i fornitori di tecnologia e di applicazioni attraverso l’offerta di innovativi servizi avanzati attraverso l’elaborazione condivisa dei dati e la creazione di valore. Tra gli obiettivi perseguiti da Auroral c’è anche l’opportunità di partecipare a nuovi mercati online dinamici, come ad esempio servizi di commodity e operatori di piattaforme online, e la possibilità di implementare un sistema informatico che sia interoperabile grazie a interfacce applicative basate su open standards.

I due filoni del bando

I settori interessati dal bando Auroral sono quelli dell’agricoltura, della salute, del turismo, dell’energia, della mobilità, dell’industria, dei media, dell’istruzione, della governance, della cultura, del territorio e della natura. Per un insieme di applicazioni così ampio è stato deciso di dividere il bando in due filoni principali: il primo riguarda espressamente lo sviluppo delle nuove smart communities e ha l’obiettivo di validare l’Auroral middleware e le open Api in aree al di là dei progetti pilota, oltre a espandere l’ecosistema digitale di Auroral e ampliare il numero di soluzioni offerte dal progetto. Il secondo filone riguarda invece i nuovi servizi complementari con l’obiettivo di integrare i sistemi pilota esistenti con nuove funzionalità ad alto valore aggiunto oltre ad attrarre le Pmi nell’ecosistema del progetto europeo.

Budget e soggetti ammissibili

Lo stanziamento complessivo di Auroral è di 1 milione di euro mentre il contributo massimo erogabile è pari al 70% delle spese ammissibili. La durata massima dei progetti è di 6 mesi. Il bando si rivolge a tutti i soggetti privati e gli enti legali dei Paesi membri Ue e associati a Horizon 2020, vale a dire Pmi, enti di ricerca, grandi imprese, enti di formazione, università, enti locali e pubblica amministrazione. Per il primo filone è previsto un finanziamento massimo di 74mila euro per singolo progetto e fino a 55.500 euro per i partner terzi. Per il secondo filone è invece previsto un sostegno massimo di 55.200 euro per proposta. Durante lo svolgimento del progetto, i candidati saranno supportati dal consorzio Auroral attraverso la cooperazione, la consultazione e l’accesso al middleware fornito da Aurora. I candidati vincitori saranno invitati a presentare la soluzione in eventi specifici per aumentare la visibilità e le possibili connessioni con gli investitori al di fuori della partnership. Nell’ambito di questi eventi i candidati vincitori prenderanno parte a eventi di networking esclusivi e avranno il sostegno di consulenze su misura per facilitare il loro accesso a finanziamenti esterni. I vincitori saranno inoltre invitati a prendere parte ed essere maggiormente visibili sulla piattaforma di investimento Auroral.

Scadenza e modalità di iscrizione

Le candidature dovranno essere presentate entro le ore 15:00 del 28 giugno collegandosi a questo link. Per avere informazioni più dettagliate è consigliabile consultare la pagina ufficiale del bando. È inoltre possibile esaminare e scaricare la Guida per i candidati.

 

 

 

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

Al via dal 1° luglio i Contributi della Banca d’Italia
Dal 1° luglio al 31 agosto sarà possibile chiedere contributi a fondo perduto per iniziative d'interesse pubblico legate al mondo…
Torna il bando Leggimi dedicato alla prima infanzia
L’iniziativa permetterà di finanziare con 1 milione di euro diversi progetti per promuovere la lettura in età prescolare. Scadenza 30…
Parma Capitale Italiana della Cultura
Partenariato pubblico-privato: il modello Parma
La grande sinergia tra istituzioni, consorzi e aziende durante le celebrazioni di Parma Capitale Italiana della Cultura ha permesso l’affermazione…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: