Skip to content Skip to footer

Rise, il bando che promuove i valori democratici

La call europea intende promuovere la protezione e il rispetto dei diritti fondamentali dell’Ue, con un focus specifico sui gruppi più vulnerabili. Domande entro il 31 gennaio 2024.

 

di Edmondo Giroud

 

Dopo il successo di partecipazione ottenuto da tre diverse call lanciate di recente, ActionAid Italia e Fondazione Realizza il Cambiamento hanno deciso di istituire un quarto bando destinato a interventi a favore di soggetti che vivono situazioni di vulnerabilità o discriminazione. Si tratta del bando Rise, realizzato nell’ambito del progetto The Care – Civic actors for rights and empowerment e cofinanziato dall’Unione Europea, che ha come referenti gli enti del Terzo settore non societari, le fondazioni e le associazioni riconosciute o non riconosciute, impegnate nella valorizzazione dei diritti fondamentali e dei principi di solidarietà su cui si basa l’Unione europea. The Care Project intende rafforzare la sostenibilità e le capacità delle organizzazioni della società civile italiana nel promuovere la protezione e il rispetto dei diritti fondamentali dell’Ue, con un focus specifico sui gruppi maggiormente vulnerabili e sulle aree interne.

Gli interventi previsti

Con una dotazione finanziaria complessiva pari a circa 1,5 milioni di euro, il bando Rise segue i tre bandi Pop, Start e Wave, lanciati la primavera scorsa, e sostiene interventi rivolti a persone in condizioni di vulnerabilità con particolare riguardo ai soggetti con background migratorio, donne vittime di violenza maschile, persone soggette a discriminazione di genere, legata alla cittadinanza o alle abilità, ma anche giovani e persone in condizione di particolare vulnerabilità economica e sociale.

Gli interventi proposti dovranno includere azioni di sensibilizzazione volte ad aumentare la conoscenza dei diritti fondamentali dell’Unione europea quali la dignità, la libertà, l’uguaglianza, la solidarietà, la cittadinanza e la giustizia. Ma dovranno anche permettere la fornitura di servizi di supporto per specifici gruppi in condizioni di vulnerabilità al fine di sviluppare competenze e fornire strumenti per creare percorsi di autonomia. Gli interventi progettuali riguarderanno anche la coprogettazione a livello locale di servizi comunitari, finalizzati a soddisfare bisogni individuali e collettivi nel rispetto dei diritti e valori dell’Ue sanciti dalla Carta dei Diritti Fondamentali, nonché attività di formazione e sviluppo di competenze. Infine è previsto lo scambio di buone pratiche, conoscenze e competenze, nonché lo sviluppo di piattaforme civiche e reti di dialogo al fine di condividere informazioni tra organizzazioni della società     civile e i relativi stakeholders.

Tre linee di intervento

La misura prevede tre linee di finanziamento differenziate per dimensioni degli enti richiedenti. Il primo lotto si rivolge a organizzazioni della società civile di piccole dimensioni con un forte radicamento nel proprio territorio d’intervento e in grado di proporre progetti della durata compresa tra i 6 e i 12 mesi e con un contributo finanziato tra i 15mila e i 20mila euro. Il secondo lotto ha come destinatari gli enti della società civile che operano e sono espressione dei bisogni delle comunità delle aree Interne così come definite dalla Strategia Nazionale per le Aree Interne 2021-2027 – Dipartimento per le Politiche di Coesione. Può finanziare progetti di durata compresa tra i 12 e i 14 mesi con un contributo tra i 40mila e i 60mila euro. Infine il terzo lotto si rivolge a organizzazioni della società civile di piccole e medie dimensioni con un focus su attività di lobby, advocacy o campaigning nell’ambito della promozione e protezione dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea. Anche in questo caso vengono valutati progetti di durata complessiva tra i 12 e i 14 mesi con un valore compreso tra i 40mila e i 60mila euro.

Tutte le proposte progettuali dovranno essere presentate da una sola organizzazione capofila e coinvolgere obbligatoriamente almeno un’altra organizzazione con il ruolo di partner o di partner pro bono. Per il terzo lotto non è previsto il coinvolgimento di partner pro bono.

Presentazione delle domande e helpdesk

Le proposte progettuali dovranno essere inviate esclusivamente attraverso il link The Care – (itaforms-care.azurewebsites.net) entro le ore 23:00 del 31 gennaio 2024.

È disponibile un servizio di helpdesk, esclusivamente su prenotazione e in base al numero di richieste pervenute, in cui le diverse organizzazioni avranno la possibilità di chiedere chiarimenti al team di The Care in merito alle idee progettuali che vogliono presentare. Le prossime date previste per il servizio sono il 21 dicembre, l’11 gennaio e il 18 gennaio 2024 dalle ore 16:00 alle 17:00. Per poter accedere al servizio di help desk occorre inviare una richiesta all’account careproject.ita@actionaid.org.

 

 

 

 

 

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

raccolta fondi
Progetti di fundraising in cerca d’autore
La crisi pandemica ha sicuramente acuito molti dei problemi di cui le organizzazioni del Terzo settore si occupano, costringendole a…
Nicola Tinelli
2021: l’anno magnifico del vino italiano
Nel 2021 l’export di vino ha polverizzato tutti i record, ma c’è ancora molto da fare sul fronte delle competenze…
Borghi attrattivi: a Sanza si sperimenta l’albergo diffuso
Il Comune campano ha ideato il progetto pilota “Sanza: Il borgo dell’accoglienza” per avviare un albergo diffuso per turismo, lavoro…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: