Skip to content Skip to footer

Pnrr, gli errori che non vorremmo vedere

Nella querelle sulla mancata approvazione di tutte le 31 opere infrastrutturali per l’irrigazione in Sicilia colpisce la grave approssimazione nel redigere progetti del valore di miliardi di euro.

di Giuseppe Strangolo

Un’amara sorpresa per i cittadini siciliani che ogni giorno si confrontano con una penuria d’acqua potabile e con tutti gli operatori della filiera agricola che combattono ad armi impari contro una siccità sempre più incalzante. Non solo, i dati Istat relativi al rapporto tra la quantità di acqua erogata in Sicilia e quella che giunge davvero a destinazione parlano di oltre il 50% di dispersione nel triennio 2018-2020. Uno spreco sempre più ingiustificabile.
E tutto questo accade mentre giungono gli allarmi accorati per una rapida desertificazione che potrebbe raggiungere il 70% del territorio nei prossimi anni, come ha denunciato proprio ieri il vicepresidente della Regione Siciliana e assessore all’Economia Gaetano Armao, elencando i drammatici effetti delle calamità naturali che hanno colpito ultimamente l’isola, dalle alluvioni agli incendi.

Che cosa è successo

La situazione disastrosa in cui versano le condutture e gli alti costi dell’acqua in Sicilia erano conosciuti da decenni. E proprio dal Recovery Plan doveva arrivare una spinta infrastrutturale per risolvere il problema dell’inefficienza delle reti idriche sicule, che rischia di mettere definitivamente in ginocchio il settore primario della regione, dalla produzione di agrumi all’orticoltura, dalla cerealicoltura alla viticoltura fino all’allevamento di bestiame. E invece…
La Sicilia è l’unica Regione che si è vista respingere tutti i progetti per i sistemi di irrigazione dei campi agricoli. E la cosa ancor più grave è che la qualità della progettazione delle domande era pesantemente inquinata da errori e sviste imperdonabili. Su 31 progetti bocciati, 12 non avevano l’indicazione della data di progettazione progetti, su altri 12 non era segnata la durata dei lavori, mentre per 27 progetti era stata inserita la data di verifica. Infine ben 17 progetti presentavano una durata di realizzazione delle opere superiore ai 30 mesi, tempi chiaramente inammissibili per via delle ovvie scadenze stringenti del Pnrr.
Nel novero delle opere non ammesse ci sono addirittura due importanti progetti, da 4,3 e 4,8 milioni di euro, che sono riusciti a non rispettare ben 16 criteri su 23, e altri 5 progetti monumentali, compresi tra gli 8 e i 4,3 miliardi di investimento, che non rispondono a 11 criteri.

La Regione che accusa il Ministero

L’inammissibilità dei progetti ha scatenato le reazioni più sdegnate ai vertici della Regione, che ha immediatamente attaccato il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli accusandolo di avere un occhio di riguardo per le regioni del Nord e di “scadere in valutazioni sommarie” a tutto svantaggio della Sicilia. Tanto da richiedere un’interrogazione parlamentare alla quale il ministro non ha mancato di rispondere per le rime, enumerando la lunga serie di errori nella progettazione dei documenti di ammissione.
Il ministero ha tuttavia mostrato anche la possibilità di porre rimedio a questi strafalcioni reinserendo alcuni progetti in un’altra tranche di opere finanziabili, per un totale di 440 milioni, messi a disposizione dalla legge di stabilità e che quindi non saranno soggetti alle scadenze stringenti del Pnrr.
Ciò non toglie che gli errori ci sono stati e anche gravi, e le domande a questo punto sono molte. Come è stato possibile redigere documenti così importanti (stiamo parlando di opere per miliardi di euro!) inanellando una serie di errori così banali? Chi ha guidato la redazione e l’approvazione di questi progetti nell’ente regionale aveva le giuste competenze? Si è forse sempre fatto così, e solo ora ci si accorge di essere inefficienti nella formalizzazione di documenti tanto sensibili e vitali? Insomma, se questo è il livello qualitativo della progettazione in una regione importante come la Sicilia, oltretutto a statuto speciale, c’è davvero da rimanere impressionati, se non spaventati.

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

Alleanze Educative
Alleanze educative: un grande tesoro nascosto
Con una dotazione finanziaria di 150mila euro, la Generas Foundation lancia il bando AlleanzaEducativa, un’iniziativa di sostegno alle organizzazioni non…
Living Lab 2023
Creative Living Lab: focus sui luoghi da rigenerare
Giunta alla quinta edizione, l’iniziativa del Mic sosterrà anche nel 2023 progetti condivisi e partecipati di rigenerazione urbana nei territori…
Quelle puerili bugie sul reddito di cittadinanza
È da molti mesi che la polemica sul reddito di cittadinanza riempie le pagine dei giornali e le discussioni nei…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: