Skip to content Skip to footer

Un giardino disseminato di competenze

Aperto il bando per la selezione di 220 partecipanti al corso executive sulla gestione di parchi e giardini storici. Termine per la presentazione delle candidature il 29 febbraio.

 

di Matteo Cislaghi

 

«Dal mio punto di vista il giardino non si insegna, è lui l’insegnante». Così ha scritto Gilles Clément, biologo, scrittore, entomologo e paesaggista francese nel suo libro Giardini, Paesaggio e Genio Naturale (Quodlibet, 2013). Vale quindi decisamente la pena di seguire i “semi” di Clément e partecipare al bando pubblico Oltre il Giardino. Maturare competenze, il corso executive gratuito rivolto a 220 professionisti, esperti e operatori del settore per la cura e la gestione di parchi e giardini storici. Il corso si inquadra nell’ambito del programma di formazione e aggiornamento professionale “Oltre il Giardino”, iniziativa del ministero della Cultura curata e realizzata dalla Fondazione scuola dei beni e delle attività culturali con il supporto di Apgi – Associazione parchi e giardini d’Italia e finanziata dal Pnrr Cultura 4.0, missione 1 componente 3.

Formazione mista, a distanza e in presenza

Della durata complessiva di 70 ore, il corso alternerà sessioni di formazione a distanza ad altre in presenza nelle sedi di importanti parchi e ville storiche italiane: si comincia alla Reggia di Venaria Reale (Torino) il 5 e 6 aprile per poi proseguire al Museo Nazionale di Villa Pisani di Stra (Venezia), a Villa Durazzo di Santa Margherita Ligure (Genova), al Giardino della Villa Medicea di Castello (Firenze), a Villa Buonaccorsi di Potenza Picena (Macerata) e alla Reggia di Caserta. Qui, nel cuore delle meraviglie d’Italia, le conoscenze acquisite durante le attività online si declineranno attraverso pratiche di laboratorio. Le attività in presenza termineranno a maggio 2024, mentre i prodotti formativi resteranno disponibili in rete fino al prossimo luglio. Non solo, “Oltre il giardino” propone anche una seconda azione di formazione e aggiornamento dal titolo “Oltre il giardino. Seminare conoscenze”. In questo caso si tratta di un corso base aperto a un’ampia e differenziata platea di destinatari: non soltanto addetti ai lavori, dunque.

Chi può partecipare al bando

Il modulo è “ideato per avvicinare e sensibilizzare ai temi del giardino storico, diffondere conoscenze teoriche di base e introdurre ai contenuti e agli strumenti di valorizzazione e comunicazione del patrimonio culturale”, si legge nell’avviso del ministero. Per entrambi i corsi la selezione dei partecipanti avverrà tramite bando pubblico. Chi vuole partecipare al bando deve inviare la candidatura entro le ore 13:00 del 29 febbraio tramite la pagina https://candidature.fondazionescuolapatrimonio.it/oltre-il-giardino/.

Il numero di partecipanti ammessi ai corsi varia da 30 a 50 per ognuna delle sei sedi di parchi e ville storiche. Possono candidarsi professionisti, residenti in Italia, che operano con diversi ruoli e funzioni in parchi e giardini storici pubblici (statali e non statali) o privati, che siano in possesso del titolo di laurea magistrale o vecchio ordinamento in Architettura del paesaggio, Storia dell’arte, Biologia, Scienze e tecnologie forestali e ambientali, Conservazione e restauro dei beni culturali, tra gli altri (l’elenco completo dei requisiti è disponibile sul sito www.fondazionescuolapatrimonio.it). È riservata in favore del personale dell’amministrazione pubblica la percentuale massima del 55% dei posti. Ai partecipanti sarà anche riconosciuto un contributo a sostegno delle spese di trasferta, secondo standard predefiniti per ciascun evento formativo in presenza (di due giornate consecutive): si va da un minimo di 50 euro, per chi si muove in ambito regionale, a un massimo di 550 euro per i corsisti che provengono dalle Isole maggiori.

Una certificazione delle competenze acquisite

Spiega il bando: i partecipanti in regola con la frequenza, e che avranno superato le prove di valutazione previste dal corso, otterranno una certificazione digitale in forma di Open Badge (una fotografia digitale delle competenze) attestante le conoscenze e i risultati acquisiti.

«I parchi e i giardini storici italiani sono tra i più belli al mondo e, al pari dei musei e dei siti archeologici, rappresentano la nostra geografia identitaria», ha affermato il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano. «Dobbiamo prendercene cura», ha proseguito il ministro, «e rilanciarne il ruolo culturale anche grazie alla formazione di nuove specifiche professionalità. L’Europa ci dice che siamo primi per capacità di spesa dei fondi Pnrr per la cultura (in totale, sono stati messi a disposizione 49 miliardi di euro, ndr): dobbiamo esserne orgogliosi. Da queste risorse arriveranno gli strumenti per valorizzare i beni culturali e la crescita professionale del personale».

Ma in che modo si distinguono i parchi e i giardini storici? Da Venaria Reale alla Reggia di Caserta, sono scrigni di naturale bellezza, tutt’uno con le dimore storiche che racchiudono. Vantano grandi varietà arboree e sono mantenuti grazie a sapienti opere di potatura, abbellimento, valorizzazione e “visione”: un mestiere, quello della loro gestione, non per tutti, ma da delegare a professionisti adeguatamente formati. E cioè, che sappiano vedere “Oltre il giardino”.

 

Per maggiori informazioni:

https://www.fondazionescuolapatrimonio.it/offerta-formativa/oltre-il-giardino/

 

Per presentare la domanda:

https://candidature.fondazionescuolapatrimonio.it/oltre-il-giardino

 

 

 

 

 

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

Gabriel Zuchtriegel
Il grande rilancio di Pompei: parla Zuchtriegel
Quattro chiacchiere con Gabriel Zuchtriegel, direttore generale del Parco Archeologico di Pompei. Un’area gigantesca tornata a essere un prestigioso attrattore…
Wine Business
Wine Business. Al via la decima edizione
La più grande Professional Learning Community sul Wine Business in Italia brinda alla sua decima edizione, tra lezioni e smart…
Svizzera: un ragionevole pragmatismo
Dalla Svizzera un modello virtuoso da seguire. Ne parliamo con Fabrizio Macrì, Direttore della Camera di Commercio Italiana per la…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: