Skip to content Skip to footer

Nuova edizione per Coltiviamo Agricoltura Sociale

Il bando intende promuovere progetti di solidarietà, di assistenza sociosanitaria e di inclusione sociale per soggetti svantaggiati che vivono nelle zone rurali. Presentazione domande entro il 20 ottobre.

 

di Giuseppe Strangolo

 

Sta per ripartire Coltiviamo Agricoltura Sociale, il bando promosso da Confagricoltura, Senior – L’Età della Saggezza Onlus e Reale Foundation, in collaborazione con Rete Fattorie Sociali e Università di Roma Tor Vergata. Il bando intende promuovere e valorizzare le iniziative delle aziende agricole e delle cooperative sociali che realizzano progetti di solidarietà tra le generazioni, all’assistenza sociale e sociosanitaria dei gruppi sociali svantaggiati, alla tutela dei diritti civili e all’inclusione sociale di chi vive nelle zone rurali.

Giunto all’ottava edizione, il contest permetterà di attribuire tre premi di 40mila euro ai progetti vincitori e tre borse di studio per accedere al Master di Agricoltura Sociale all’Università di Roma Tor Vergata, oltre a un premio di 20mila euro per un progetto speciale destinato alla gestione e riqualificazione del verde pubblico.

Gli obiettivi di Coltiviamo Agricoltura Sociale

Quello dell’Agricoltura Sociale è un modello di welfare che ha dimostrato di poter generato benefici sociali e occupazionali in numerose aree del territorio e secondo molti osservatori potrebbe ulteriormente svilupparsi con opportuni modelli d’intervento, specie nell’ambito sociale degli adolescenti, dei giovani, degli anziani e di altri gruppi sociali in difficoltà.

L’obiettivo del bando è quindi quello di favorire lo sviluppo di progetti agricoli in ambito sociale a vantaggio di individui, famiglie e piccole comunità che si trovano in condizioni di fragilità e che necessitano di aiuto.

Le due sezioni del bando

Il bando Coltiviamo Agricoltura Sociale è composto da una sezione ordinaria e da una speciale. La prima, che frutterà tre premi da 40mila euro complessivi, è rivolta a imprenditori agricoli, cooperative sociali e a forme di associazione attori del terzo settore purché il capofila sia un’impresa agricola. Per la sezione speciale, che permetterà di offrire un unico premio di 20 mila euro, possono concorrere, oltre ai precedenti attori, anche le cooperative sociali non necessariamente agricole che si occupano della gestione e riqualificazione del verde pubblico.

Per entrambe le sezioni l’intento è quello di aiutare le iniziative più meritevoli finanziando progetti capaci di cogliere i reali bisogni della comunità, oltre a favorire l’innovazione nei modelli di welfare di comunità e l’integrazione tra i diversi attori dell’Agricoltura Sociale, vale a dire le imprese agricole, le cooperative, le imprese sociali, quelle profit, le associazioni e le istituzioni locali.

Per la sezione speciale si aggiunge anche l’azione di formazione di nuove figure professionali da destinare alla gestione e riqualificazione del verde pubblico coinvolgendo i soggetti più fragili.

La natura delle proposte

Le proposte progettuali dovranno riguardare l’inserimento socio-lavorativo di persone con disabilità o svantaggiate e di minori in età lavorativa inseriti in progetti di riabilitazione e sostegno sociale. Tra i progetti ammissibili ci sono le prestazioni e le attività sociali che utilizzino le risorse materiali e immateriali dell’agricoltura per sviluppare le abilità e le capacità delle persone e per favorire la loro inclusione sociale e lavorativa. Anche le prestazioni e i servizi a supporto delle terapie mediche, psicologiche e riabilitative per il miglioramento delle condizioni di salute e le funzioni sociali, emotive e cognitive sono considerate ammissibili, così come i progetti di educazione ambientale e alimentare, la salvaguardia della biodiversità, la conoscenza del territorio mediante le fattorie sociali e didattiche per l’accoglienza e il soggiorno di bambini in età prescolare e di persone in difficoltà sociale, fisica e psichica.

Plus dei progetti e tempistiche del bando

Verranno valutati positivamente i progetti che indicheranno strategie, attività e impegno concreto nella costruzione di reti di attori locali, a livello formale e informale, e che sapranno dimostrare un forte coinvolgimento dell’impresa agricola tradizionale, oltre a prevedere il coinvolgimento di giovani al di sotto dei 35 anni e delle donne. Saranno inoltre benvenuti i progetti che dimostreranno di possedere un potenziale di innovazione per il contesto in cui verranno realizzati e che potranno, una volta realizzati, assumere la caratteristica di modello replicabile o pratica esemplare.

La documentazione dovrà essere inoltrata entro e non oltre le ore 24.00 del 20 ottobre. Farà fede la data della mail di invio ed il timbro postale. Entro il 31 dicembre la giuria designata provvederà poi a comunicare a comunicare agli interessati l’attribuzione dei premi e a pubblicare il risultato sul sito www.coltiviamoagricolturasociale.it.

I progetti selezionati e premiati dovranno concludersi entro il 31 ottobre 2024, salvo proroga che potrà essere concessa soltanto in casi eccezionali e motivati.

 

 

 

 

 

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

Torna Bi-Rex, il bando che premia l’innovazione industriale
C’è tempo fino al 30 agosto per partecipare al bando Bi-Rex per lo sviluppo di progetti innovativi nell’ambito dell’automazione industriale…
La sporca guerra ai prodotti italiani
Si infiamma lo scontro a Bruxelles sul Nutri-Score, il sistema di etichettatura a semaforo che indica il grado di salubrità…
Nuovo impulso alle competenze Stem nelle scuole paritarie
C’è tempo fino al 15 dicembre per presentare nuove proposte progettuali volte a rafforzare l’insegnamento delle materie Stem nelle scuole…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: