Skip to content Skip to footer

Autismo e inclusione: nuove risorse in arrivo

autismo inclusione

Fino all’8 gennaio 2023 sarà possibile presentare le domande per accedere alle nuove risorse finanziarie dedicate alle persone con disturbo dello spettro autistico.

 

di Diego Pietanza

 

È stato recentemente rifinanziato il Fondo per l’inclusione delle persone con disabilità, già istituito dal decreto Sostegni del 2021. Con il decreto del 29 luglio 2022, appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale, viene attribuita una dotazione di 50 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022 e 2023, per un totale di 100 milioni di euro, destinati a finanziare interventi dedicati alle persone con disturbo dello spettro autistico e ora assistite in un contesto più ampio di inclusione sociale.

Le risorse sono destinate alle Regioni e alle Province autonome per finanziare progetti aggiuntivi rispetto alla normale programmazione regionale. Gli interventi possono essere attuati da soggetti pubblici o privati e devono essere coerenti con i reali bisogni del territorio e delle comunità locali.

Tutte le azioni finanziabili

Regioni e Province autonome potranno individuare e selezionare i progetti più interessanti sulla base di alcune azioni preferenziali. Sono innanzitutto finanziabili quegli interventi di assistenza sociosanitaria previsti dalle linee guida sul trattamento dei disturbi dello spettro autistico dell’Istituto superiore di sanità, anche tramite voucher sociosanitari da utilizzare per acquistare prestazioni.

Saranno presi in considerazione anche i percorsi di assistenza alla socializzazione dedicati ai minori e all’età di transizione fino ai ventuno anni, anche tramite voucher, e i progetti volti a prestare assistenza agli enti locali, anche associati tra loro, per sostenere l’attività scolastica delle persone con disturbi dello spettro autistico. Anche i progetti finalizzati a percorsi di socializzazione in ambiente esterno, come i gruppi di cammino, le attività musicali e l’attività sportiva dedicati agli adulti ad alto funzionamento fanno parte dei requisiti per l’ammissibilità. Così come i progetti che si rivolgono al Terzo settore per favorire l’inclusione attraverso attività sociali legate a sport, tempo ricreativo, mostre e altre iniziative.

Per concludere il novero degli interventi finanziabili, il decreto prevede anche il sostegno a quei progetti sperimentali volti alla formazione e all’inclusione lavorativa e alla formazione dei nuclei familiari che assistono persone con disturbo dello spettro autistico. Infine verranno presi inconsiderazione i progetti sperimentali di residenzialità e per l’abitare supportato, finalizzati alla promozione del benessere e alla qualità della vita delle persone con disturbi dello spettro autistico.

Modalità di erogazione e ripartizione

Il decreto prevede che le Regioni e le Province autonome provvedano ad adottare procedure semplificate per l’accesso ai servizi e alle prestazioni dei diversi progetti al fine di garantire una celere fruibilità degli stessi. Le risorse spettanti a ogni Regione e Provincia autonoma sono illustrate nella tabella di accompagnamento al decreto e sono calcolate sulla base dei dati Istat relativi alla quota di popolazione residente al 1° gennaio 2022. La quota maggiore di risorse spetta alla Lombardia (16,8 milioni di euro), seguita da Lazio (9,7 milioni), Campania (9,5 milioni), Veneto (8,2 milioni), Sicilia (8,1 milioni), Emilia-Romagna (7,5 milioni) e Piemonte (7,2 milioni).

In caso di rinunce, revoche ed economie delle risorse assegnate, le Regioni e le Province autonome possono riassegnarle dandone comunicazione alla Presidenza del Consiglio dei ministri – Ufficio per le politiche in favore delle persone con disabilità.

Rendicontazione e controllo

Entrambi gli enti territoriali, Regioni e Province autonome, dovranno redigere un piano relativo alle azioni da finanziare indicando la tipologia di interventi da attuare, il riparto delle somme per ciascuna tipologia, i soggetti interessati, le modalità attuative dei progetti, i benefici attesi, le platee di beneficiari stimati e la descrizione degli interventi già previsti dalla programmazione regionale insieme alle relative fonti finanziamento. Tutte queste informazioni dovranno essere comunicate dalla Presidenza del Consiglio dei ministri – Ufficio per le politiche in favore delle persone con disabilità.

Entro sei mesi dalla conclusione degli interventi, Regioni e Province autonome dovranno inoltre redigere una relazione di rendicontazione finale che contenga l’importo effettivamente erogato ai soggetti attuatori, il numero degli interventi realizzati, i risultati conseguiti e l’indicazione del costo finale di ogni singolo intervento con le relative voci di spesa.

La documentazione completa deve essere presentata all’indirizzo di posta elettronica certificata ufficio.disabilita@pec.governo.it entro l’8 gennaio 2023.

 

 

Maggiori informazioni sul decreto di riparto del Fondo per l’inclusione delle persone con disabilità.

 

 

 

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

Woman TechEu
Finanziato nell’ambito del  programma di lavoro European Innovation Ecosystems di Horizon Europe, Women TechEU è una nuovissima iniziativa dell’Unione Europea. 
Coprogettazione
Un corso dedicato alla coprogrammazione e alla coprogettazione
Il Forum nazionale del Terzo settore organizza per il quarto anno consecutivo il corso dedicato alla coprogettazione e alla coprogrammazione.…
Wine Business
Wine Business. Al via la decima edizione
La più grande Professional Learning Community sul Wine Business in Italia brinda alla sua decima edizione, tra lezioni e smart…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: