Skip to content Skip to footer

Regione Puglia stanzia 400mila euro per la certificazione della parità di genere

MICHELE  EMILIANO  PRESIDENTE REGIONE PUGLIA

Il bando pubblico sarà gestito da Unioncamere Puglia. Candidature “a sportello” dal 4 settembre al 4 marzo 2024, salvo esaurimento fondi.

 

Partirà il 4 settembre e sarà aperto fino al 4 marzo 2024 “UN’Impresa alla Pari“, il bando che finanzierà a sportello e con un meccanismo a rimborso le imprese pugliesi che otterranno la Certificazione di Parità (Uni/Pdr 125:2022).

Con la Dgr 1033 del 24 luglio, infatti, la Giunta regionale ha approvato lo schema dell’Azione, che prevede un voucher a copertura delle spese aziendali fino all’80% del rendicontato, non solo i costi della certificazione propriamente detta, ma anche quelli propedeutici e di consulenza preliminare.

Il bando “UN’Impresa alla Pari” ha una dotazione finanziaria di 400mila euro a valere sul bilancio autonomo regionale e verrà affidato alla gestione di Unioncamere Puglia, con il coordinamento dell’azione a cura della Sezione per l’Attuazione delle Politiche di genere, incardinata presso la Segreteria Generale della Presidenza della Regione Puglia.

Promosso dalla consigliera del presidente Emiliano per l’Attuazione del Programma di Governo, Titti De Simone, “UN’Impresa alla Pari” si qualifica come azione dell’Agenda di Genere, che prevede il supporto a interventi di welfare aziendale per le Pmi al fine di favorire l’adozione di modelli di organizzazione del lavoro equi e inclusivi.

«Con il bando UN’Impresa alla Pari», ha dichiarato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, «la Regione Puglia intende contribuire a diffondere sempre più la cultura della parità di genere, favorendo un maggior tasso di accesso al lavoro della popolazione femminile. Oggi quattro donne su dieci addetti totali in Puglia sono donne ed è un’asticella che puntiamo a innalzare. L’ottenimento della certificazione della parità di genere, inoltre, può diventare anche un fattore competitivo rilevante per le nostre aziende, perché consente loro l’accesso a sgravi contributivi e premialità in sede di valutazione nei bandi pubblici».

«La misura è finalizzata ad accompagnare e incentivare le imprese ad adottare policy adeguate a ridurre il divario di genere in tutte le aree maggiormente critiche per la crescita professionale delle donne», ha detto Titti De Simone. «Si tratta di un importante strumento a disposizione delle aziende di qualsiasi settore e di qualsiasi dimensione in grado di misurare e valutare la conformità delle misure intraprese – o da intraprendere – rispetto al tema della parità di genere sul luogo di lavoro, beneficiando tra l’altro di agevolazioni, meccanismi di incentivazione e premialità. L’obiettivo strategico è rendere la Puglia attrattiva sperimentando misure e interventi innovativi per l’intero sistema economico».

«Il target a cui si rivolgerà la Misura», ha spiegato il presidente di Unioncamere Puglia, Damiano Gelsomino, «è particolarmente dinamico e numeroso: penso alle 88mila imprese femminili pugliesi, ma anche alle 208mila donne che rivestono un compito direttivo nelle aziende della regione. E’ soprattutto da loro che ci aspettiamo una spinta propulsiva e una grande attenzione. In generale, però, qualunque impresa può trovare interessante il Bando, anche perché decisamente vantaggioso sul piano economico».

L’intervento risulterà particolarmente vantaggioso per le aziende pugliesi che intendano acquisire la Uni/Pdr 125:2022, in quanto non soltanto coprirà largamente i costi sostenuti nel percorso di certificazione, ma consentirà loro di godere delle premialità di punteggio nei bandi pubblici, previste dal nuovo Codice degli Appalti, nonché dello sgravio dell’1% sui contributi previdenziali Inps, ai sensi del decreto interministeriale 20.10.2022.

 

Fonte: Regione Puglia

 

 

 

 

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

Minori e digitale: alfabetizzare per prevenire
Il recente bando del valore di 1,7 milioni di euro svilupperà progetti di alfabetizzazione mediatica e digitale a tutela dei…
non profit
In arrivo 175 milioni per la galassia non profit
I fondi previsti per il Terzo settore serviranno a sostenere attività di rilevanza nazionale e locale delle oltre 360mila organizzazioni…
Lavoro Unioncamere
Lavoro in Italia, tra fabbisogni occupazionali e spinte del Pnrr
Nei prossimi cinque anni l’Italia avrà bisogno di circa 3,8 milioni di lavoratori, specie nel commercio e turismo, nella formazione…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: