Skip to content Skip to footer

Il Pnrr promuove all’estero le istituzioni Afam

Ammontano a 30 milioni di euro le risorse stanziate dal ministero dell’Università e della ricerca per l’internazionalizzazione degli istituti di alta formazione artistica e musicale. Presentazione delle domande entro il 18 ottobre.

 

di Mimmo Putrino

 

Il ministero dell’Università e della ricerca ha recentemente pubblicato lavviso per la concessione di finanziamenti destinati alla internazionalizzazione degli istituti di alta formazione artistica e musicale (Afam) in attuazione del sottoinvestimento T5, previsto dal Pnrr nell’ambito della missione 4. Il bando

mira a valorizzare la rete delle istituzioni Afam e a favorirne la promozione all’estero attraverso l’attivazione di progetti, attività di comunicazione, disseminazione, sensibilizzazione e didattica, nonché di ricerca e di produzione artistica finalizzati alla conservazione e alla diffusione della cultura italiana. I destinatari dell’avviso pubblico sono principalmente i Conservatori e le Accademie italiane

Le nobili finalità del bando

Gli obiettivi strategici del bando sono tre e sono relativi alla digitalizzazione, alla cultura dell’innovazione e all’internazionalizzazione degli istituti di istruzione superiore artistica e musicale tramite il finanziamento di almeno 5 progetti destinati a promuovere il ruolo delle istituzioni Afam nel mondo.

I progetti saranno sviluppati e presentati da un’istituzione capofila facente parte dell’Afam e dagli altri soggetti attuatori riuniti nella forma di partenariato. lo stesso soggetto capofila non potrà presentare più di una proposta progettuale, fermo restando la possibilità di partecipare ad altre proposte progettuali in qualità di membro del partenariato. Altri soggetti coinvolti, oltre all’Afam, sono le istituzioni accreditate al sistema universitario: nello specifico, i dipartimenti interessati all’investimento e gli enti pubblici di ricerca.

Sono stati individuati sei cluster che interessano gli istituti Afam presenti sul territorio italiano: si tratta del gruppo afferente a “Design e arti applicate”; del gruppo “Teatro, recitazione, danza e arti performative”; del gruppo “Arte e tecnologia”; del gruppo “Musica”; del gruppo “Cinema e arti audiovisive” e infine del gruppo “Arti visive”.

Gli interventi finanziabili

Le risorse complessive del bando ammontano a 30 milioni di euro e almeno il 40% del totale delle risorse disponibili (12 milioni) deve essere destinato alle otto Regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna).

I progetti hanno il compito di promuovere la conoscenza del patrimonio culturale, artistico, musicale e coreutico italiano, garantendo le migliori condizioni di fruizione pubblica, nonché l’attrattività e l’alto profilo internazionale. Gli interventi proposti devono quindi avere un carattere trasversale e favorire i percorsi di mobilità e di scambio culturale seguendo l’esempio del modello Erasmus+, e la creazione e il potenziamento di reti internazionali tra istituzioni partner per promuovere percorsi formativi comuni, seminari, workshop, manifestazioni e webinar per promuovere la formazione artistica, musicale, coreutica e culturale.

I progetti devono inoltre prevedere percorsi di mutual learning finalizzati a promuovere attività di scambio di conoscenze tra istituti e azioni di innovazione, sperimentazione e produzione artistica al fine di favorire la cultura della ricerca e valorizzare l’eccellenza accademica tramite l’incentivazione di progetti di ricerca scientifica e artistica, rafforzando la cooperazione tra istituti.

Le risorse a disposizione

I progetti di internazionalizzazione destinati a promuovere il ruolo delle istituzioni Afam all’estero devono avere una durata massima non superiore ai 24 mesi, prorogabili di ulteriori 3 mesi, ma resta ferma la necessità di concludere il progetto entro il termine del 31 marzo 2026.

Ciascuna iniziativa deve prevedere un totale di costi complessivi ammissibili compresi tra un minimo di 1 milione di euro e un massimo di 6 milioni. Le risorse economiche devono essere allocate per almeno una quota pari all’80% alle istituzioni Afam, mentre i costi complessivi ammissibili sostenuti dalle realtà diverse dalle Afam non devono superare la quota massima del 20%.

Per le erogazioni successive all’anticipo, pari al 10% del contributo riconosciuto, il soggetto capofila è tenuto a trasmettere al ministero, ogni bimestre, la domanda di rimborso che riepiloga le spese effettivamente sostenute nel periodo di riferimento con relativa documentazione e, con cadenza semestrale, la relazione tecnico-scientifica attestante le attività progettuali svolte.

La valutazione dei progetti

Una commissione di valutazione appositamente nominata svolgerà le istruttorie tenendo conto di alcuni importanti criteri, quali la pertinenza degli obiettivi e dei risultati attesi, la capacità di collegamento con altre iniziative nazionali e internazionali, l’intersettorialità e l’interdisciplinarietà delle iniziative proposte, la loro appropriatezza ed efficacia, la capacità di monitorare l’avanzamento del progetto e misurare il raggiungimento degli impatti attesi, e infine la qualità e complementarità del partenariato in termini di competenze necessarie alla corretta implementazione del progetto per favorirne l’internazionalizzazione.

Presentazione delle domande

La compilazione e la trasmissione delle domande dovrà essere gestita dal capofila tramite la piattaforma del ministero dell’Università e della ricerca https://afampnrr.mur.gov.it. Le domande devono essere redatte tassativamente in lingua inglese e presentate entro le ore 12:00 del 18 ottobre.

 

 

 

 

 

 

 

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

comunita energetiche solidali
Crescono le comunità energetiche solidali
Intesa Sanpaolo, ma non solo: si moltiplicano in Italia i progetti che uniscono produzione energetica da fonti rinnovabili e condivisione…
Pnrr, gli errori che non vorremmo vedere
È di pochi giorni fa la notizia della bocciatura di tutti i progetti per le infrastrutture irrigue presentati dalla Regione…
Impact4Coop
Più sostegno finanziario alle cooperative
Il programma Impac4Coop, con i suoi 1,2 milioni di euro in dote, vuole mitigare in Lombardia e in tutta Italia…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: