Skip to content Skip to footer

Dal Pnrr una potente spinta all’agrisolare

Parco Agrisolare

Il bando “Parco Agrisolare” da 1,5 miliardi sarà destinato all’agricoltura sostenibile e prevede sostegni finanziari per la realizzazione di impianti fotovoltaici sui tetti delle strutture rurali.

di Franco Genovese

La misura che sta per essere varata è molto importante perché porterà una ventata di innovazione e di efficienza nel mondo agricolo e zootecnico. Il bando denominato “Parco Agrisolare” s’inserisce nelle azioni della missione 2 del Pnrr (Rivoluzione verde e transizione ecologica, ndr) e ha come obiettivo l’installazione di pannelli fotovoltaici sulle coperture di edifici agricoli, stalle o altre strutture per una superficie complessiva di 4,3 milioni di metri quadrati per una potenza installata complessiva di circa 0,43 Gigawatt.
Un importante investimento di 1,5 miliardi di euro è stato destinato a tal scopo al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, che dovrà ora vagliare le domande privilegiando la riqualificazione delle coperture mediante la rimozione dell’amianto, laddove presente, e il contestuale miglioramento dell’areazione e della coibentazione dei tetti oggetto di intervento. Il tutto avverrà senza consumo di nuovo suolo e riqualificando le strutture produttive preesistenti.
Il bando di accesso ai finanziamenti sarà pubblicato entro il 31 marzo, in pieno rispetto delle scadenze fissate dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Le tappe 2022-2026 del bando

Trattandosi di una misura “monstre”, la gittata del bando avrà un’articolazione molto ampia e lunga. Entro la fine del 2022 saranno individuati i progetti che beneficeranno di almeno il 30% di tutte le risorse finanziarie disponibili, entro il 2023 saranno identificati quelli che riceveranno almeno il 50% delle risorse ed entro il 2024 saranno individuati i progetti che godranno del 100% delle risorse disponibili. Entro giugno 2026 si prevede infine la realizzazione completa di tutte le installazioni, con la generazione complessiva di almeno 375mila kW di energia solare.
Una volta pubblicato il bando, le domande saranno assistite dal Gse (Gestore Servizi Energetici) indicato dal Mipaaf quale attuatore della linea di intervento del Pnrr, con cui si sta predisponendo una convenzione “pubblico-pubblico” e che consentirà di avviare subito le operazioni di attuazione dei programmi fotovoltaici le cui domande avranno ricevuto parere favorevole. Questo passaggio è importante perché permetterà di accelerare l’intero processo e consentire l’avvio immediato dei progetti. Il Ministero dell’Agricoltura manterrà in ogni caso il ruolo di punto unico di contatto per accedere ai fondi del Pnrr e avrà la responsabilità della supervisione complessiva di tutto l’intervento.

L’ammontare degli incentivi

Stando a un avviso pubblicato dal Mipaaf a fine dicembre 2021, potranno beneficiare dell’intervento gli imprenditori agricoli, i coltivatori diretti e le imprese agroindustriali. Agli interventi realizzati verrebbe inoltre riconosciuto un incentivo in conto capitale fino al 65%, aumentato del 25% per i giovani imprenditori.
L’avviso di dicembre aveva lo scopo di raccogliere le osservazioni degli operatori rispetto ai massimali della potenza installata e agli investimenti ammissibili. E su questa tematica era intervenuta anche Confagricoltura con alcune osservazioni. L’esito della consultazione e le condizioni concordate con il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali saranno rese note soltanto fra pochi giorni, al momento della pubblicazione del bando.
«Siamo di fronte a un passaggio di fondamentale importanza verso l’aumento delle energie rinnovabili, soprattutto in considerazione dell’attuale fase di grandi difficoltà dovute alla corsa verso l’alto dei costi energetici», ha commentato al proposito Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura, all’annuncio della pubblicazione del bando. «L’obiettivo fissato dal Governo è ambizioso, ma il nostro settore può fare di più, senza compromettere il potenziale produttivo agricolo e la qualità».

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

Living Lab
Riparte il Creative Living Lab
Giunto alla quarta edizione, il bando pubblico per la promozione dei luoghi da rigenerare offre un finanziamento fino al 100%…
Comunita energetica
L’energia verde si fa in comunità
Nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, a Napoli, è sorta la prima comunità energetica e solidale d’Italia. Un progetto…
Restare a scuola per il futuro
Da Fondazione Cdp 1,5 milioni per progetti contro la dispersione scolastica. Il bando chiuderà il prossimo 3 luglio.   di Franco…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: