Skip to content Skip to footer

Portale informativo dedicato alla cultura dell’agire

Bando memoria europea

Area geografica:
Europeo
Scadenza:
06 Giugno 2024
Tipo agevolazione:
100% Contributo a fondo perduto
Settore attività:
Tutti
Beneficiari:
Tutti
Dotazione finanziaria:
14.000.000 €
Sostenere progetti volti a commemorare eventi decisivi nella storia europea moderna, comprese le cause e le conseguenze dei regimi autoritari e totalitari, e a sensibilizzare i cittadini europei sulla loro storia, cultura, patrimonio culturale e valori comuni, migliorando così la loro comprensione dell’Unione, le sue origini, scopo, diversità e risultati e l’importanza della comprensione e della tolleranza reciproche.

DESTINATARI
Per essere idonei, i richiedenti e i co-richiedenti devono:

  • Per i richiedenti capofila: essere entità giuridiche senza scopo di lucro (enti pubblici o privati) o un’organizzazione internazionale.
  • Per i co-richiedenti: essere entità giuridiche senza scopo di lucro o a scopo di lucro. Le organizzazioni a scopo di lucro possono presentare domanda solo in partenariato con enti pubblici, organizzazioni private senza scopo di lucro o con organizzazioni internazionali.
  • Essere formalmente costituiti in uno dei paesi ammissibili, ossia: Stati membri dell’UE, paesi non appartenenti all’UE: paesi associati al Programma CERV o paesi che sono in corso di negoziati per un accordo di associazione e in cui l’accordo entra in vigore prima della firma del finanziamento.

CASI SPECIFICI

  • Persone fisiche: le persone fisiche NON sono ammissibili (ad eccezione dei lavoratori autonomi, cioè delle ditte individuali, in cui la società non ha personalità giuridica separata da quella della persona fisica);
  • Organizzazioni internazionali: Sono ammissibili le organizzazioni internazionali. Le regole relative ai paesi ammissibili non si applicano ad esse;
  • Gli enti privi di personalità giuridica ai sensi del loro diritto nazionale possono eccezionalmente partecipare a condizione che i loro rappresentanti abbiano la capacità di assumersi obblighi legali per loro conto e offrano garanzie per la protezione degli interessi finanziari dell’UE equivalenti a quelli offerti dalle persone giuridiche;
  • Associazioni e raggruppamenti di interesse: Le entità composte da membri possono partecipare come ‘unici beneficiari’ o ‘beneficiari senza personalità giuridica;
  • Paesi attualmente in fase di negoziazione di accordi di associazione: I beneficiari provenienti da paesi con negoziati in corso per la partecipazione al programma possono partecipare al bando e possono firmare i finanziamenti se i negoziati sono conclusi prima della firma del finanziamento e se l’associazione copre il bando (cioè è retroattiva e copre sia la parte del programma che l’anno in cui è stata avviato il bando).
  • Misure restrittive dell’UE: Si applicano regole speciali per determinate entità. Tali entità non sono ammissibili a partecipare in nessuna capacità, incluso come beneficiari, entità affiliate, partner associati, subappaltatori o destinatari di sostegno finanziario a terzi (se del caso).

I progetti proposti devono avere una durata compresa tra 12 e 24 mesi.

Le candidature devono essere presentate da un consorzio costituito da almeno 2 soggetti (il coordinatore di progetto + almeno un co-applicant):

  • il coordinatore di progetto deve essere un ente senza scopo di lucro, pubblico o privato, o un’organizzazione internazionale.
  • co-applicant possono essere enti con o senza scopo di lucro (pubblici o privati). Quelli a scopo di lucro possono partecipare solo in partenariato con enti pubblici, organizzazioni private no-profit o organizzazioni internazionali.

Il contributo UE sarà in forma di lump sum grant. La sovvenzione richiesta per un progetto non può essere inferiore a 50.000 euro.

Il bando finanzia progetti nazionali o transnazionali focalizzati su quattro topic prioritari. Ciascuna proposta progettuale può riguardare un solo topic:

  • Topic 1 – Transizione democratica, (ri)costruzione e rafforzamento della società fondata sullo Stato di diritto, sulla democrazia e sui diritti fondamentali (id: CERV-2024-CITIZENS-REM-TRANSITION). I progetti dovrebbero concentrarsi sul passaggio da regime autoritario e totalitario a democrazia nei diversi Paesi europei, sulle loro somiglianze e differenze, nonché sugli insegnamenti appresi per il futuro per difendere e sostenere valori dell'UE come la democrazia, lo Stato di diritto e i diritti fondamentali.
  • Topic 2 – Rafforzare la memoria dell'Olocausto, del genocidio, dei crimini di guerra e contro l'umanità, per consolidare la democrazia nell'UE (id: CERV-2024-CITIZENS-REM-HOLOCAUST). I progetti dovrebbero concentrarsi su crimini specifici, quali l'Olocausto, i crimini totalitari o altri crimini del XX secolo come i genocidi, i crimini di guerra e quelli contro l'umanità, analizzando come sono stati organizzati, quali attori hanno coinvolto e come sono stati commessi. Si incoraggiano progetti che trovano nuovi modi di ricordare ed educare su questi crimini, per proteggere la società dalle minacce ricorrenti di odio, discriminazione, razzismo, antisemitismo, antiziganismo e fobia verso la comunità LGBTIQ. I progetti possono anche concentrarsi sullo sviluppo di reti di giovani Ambasciatori europei che promuovono la memoria dell'Olocausto, oppure sulla lotta alla distorsione, banalizzazione e negazione dello stesso, nonché sulla digitalizzazione di materiale storico e testimonianze a fini educativi e formativi. I progetti possono, inoltre, analizzare e dare risalto alla resistenza e/o all'opposizione organizzata al regime totalitario.
  • Topic 3 – Migrazione, decolonizzazione e società europee multiculturali (id: CERV-2024-CITIZENS-REM-HISTMIGRATION). I progetti dovrebbero esaminare il lascito del colonialismo, all'interno e al di fuori dell'Europa, e il suo impatto sulle società multiculturali europee contemporanee. I progetti possono anche promuovere la sensibilizzazione sulla cultura e la storia dei Rom, oppure riguardare il vissuto comune europeo di migrazione collegato a eventi come guerre, periodi di transizione, colonizzazione e decolonizzazione, effetti economici, persecuzioni o altro.
  • Topic 4 – L’integrazione europea e i suoi risultati determinanti (id: CERV-2024-CITIZENS-REM-EUINTEGRATION). I progetti dovrebbero esaminare e promuovere i momenti determinanti e i punti di riferimento dell'integrazione europea, nonché la sua storia e come questi cambiamenti hanno avuto impatto sulla vita quotidiana degli europei. I progetti possono concentrarsi su diritti specifici garantiti nell'Unione come la libertà di movimento, su risultati specifici come la moneta unica o su momenti determinanti come l'adesione di Paesi.

Impatto previsto:

  • Collegare diversi tipi di organizzazioni per creare sinergie;
  • Sviluppare diverse tipologie di attività (attività di formazione, pubblicazioni, strumenti online, ricerca, educazione non formale, dibattiti pubblici, mostre, sensibilizzazione, raccolta e digitalizzazione di testimonianze, azioni innovative e creative, ecc.), anche utilizzando nuovi metodi di insegnamento e nuove tecnologie;
  • Istituire e condurre corsi di formazione per difensori dei diritti, funzionari pubblici, membri della magistratura, funzionari delle forze dell'ordine e responsabili politici;
  • Fornire opportunità di scambio intergenerazionale tra testimoni e generazioni future;
  • Coinvolgere persone provenienti da diversi gruppi target e genere, comprese, ove possibile, persone che affrontano razzismo, antisemitismo, antiziganismo o altre forme di discriminazione e intolleranza.
Se sei interessato ad approfondire la misura, non esitare a contattarci per ricevere una consulenza qualificata.

SEF Consulting

Potrebbe interessarti anche...

Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese

L’aiuto non è direttamente collegato alle operazioni o investimenti che il giovane deve realizzare, ma viene concesso in modo forfettario...

Investimenti nella creazione e nello sviluppo di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili

La dotazione finanziaria dell’azione 1.3 Investimenti per l’energia rinnovabile del PAL Distretto Rurale Sicilia Centro Meridionale è pari ad €...

Servizi per l’innovazione e l’avanzamento tecnologico e interventi per la trasformazione digitale a supporto delle pmi

La dotazione finanziaria complessiva dell’Avviso è pari ad €23.500.000,00  a valere sul PR Puglia 2021 – 2027 – fondo FESR – Asse...

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: