Skip to content Skip to footer

Il ruolo del turismo nell’economia italiana del futuro

xr:d:DAFAlWbk__s:1981,j:46689752034,t:23050813

Il turismo è da tempo uno dei settori trainanti dell’economia italiana, un fenomeno reso possibile principalmente grazie al ricchissimo patrimonio artistico-culturale del Paese. Dalle maestose opere d’arte nei musei alle affascinanti rovine archeologiche, dai monumenti storici ai luoghi sacri, dai borghi medievali ai sontuosi palazzi, l’Italia offre una varietà straordinaria di attrazioni.

di Beatrice Pepe

Ma non è solo l’aspetto culturale a renderla unica: il paesaggio naturale, con le sue montagne imponenti, le dolci colline, i vulcani maestosi, i corsi d’acqua e i panorami mozzafiato, aggiunge un ulteriore fascino.

Bellezza universalmente riconosciuta

Questo patrimonio straordinario non è solo una questione di numeri, ma rappresenta una bellezza di valore universale eccezionale. Nel 2022, l’Italia si è confermata come leader mondiale con il maggior numero di siti iscritti nella lista del Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Questo riconoscimento non solo sottolinea l’importanza e la diversità dei tesori culturali e naturali italiani, ma anche il loro significato globale e la loro capacità di ispirare e affascinare visitatori provenienti da tutto il mondo.

L’Italia continua a mantenere una posizione di rilievo tra le destinazioni turistiche più ambite al mondo, con il settore turistico che rappresenta un notevole 14% del PIL nazionale e offre lavoro a quasi un milione e mezzo di persone (ISTAT, 2022). La cultura rimane il principale attrattore per i turisti, con Roma in testa seguita da Firenze e Milano come le città più culturali d’Italia. Tuttavia, è Firenze a distinguersi per la sua trasformazione digitale e la qualità della vita offerta. Uno studio ha evidenziato che nel 2023 i turisti desiderano sempre più un’esperienza turistica attenta alla sostenibilità, cercando città intelligenti, accessibili e innovative dal punto di vista della fruizione digitale e culturale.

Il nuovo trend

Già nel 2022 si è osservata una tendenza verso vacanze all’aria aperta e sostenibili, con il 2023 che ha visto un ulteriore spostamento verso un turismo consapevole. Questo nuovo trend spinge i turisti a considerare i propri viaggi da un punto di vista più completo e olistico. I risultati sono viaggi in bassa stagione o verso mete emergenti, decisioni più ponderate nella scelta delle strutture ricettive e una preferenza per mezzi di trasporto green. Questo cambiamento riflette una crescente consapevolezza dell’impatto ambientale e sociale delle proprie scelte di viaggio, evidenziando la necessità di promuovere un turismo responsabile e sostenibile per preservare le risorse e le bellezze naturali dell’Italia per le generazioni future.

Data l’evoluzione delle dinamiche del turismo italiano, diventa imperativo adottare interventi mirati per orientare il settore turistico verso un futuro più sostenibile e competitivo. Questi interventi dovrebbero abbracciare diversi ambiti, dall’industrializzazione dell’offerta ricettiva al potenziamento dei programmi formativi e alla valorizzazione delle destinazioni turistiche secondarie.

La sostenibilità
In particolare, per garantire uno sviluppo economico sostenibile, è cruciale implementare politiche di sviluppo turistico che si fondano sulla responsabilità sociale e ambientale. Ciò implica un investimento significativo in programmi di formazione per il personale del settore, al fine di promuovere una cultura della sostenibilità e della gestione responsabile delle risorse.

Inoltre, è necessario promuovere iniziative che contribuiscano concretamente all’economia locale, favorendo la partecipazione delle comunità nel processo decisionale e nell’implementazione di progetti turistici. Questo potrebbe includere la valorizzazione delle produzioni locali, la promozione dell’artigianato locale e la creazione di opportunità lavorative per i residenti.

Approccio integrato

Allo stesso tempo, è importante incentivare l’industrializzazione dell’offerta ricettiva, incoraggiando lo sviluppo di infrastrutture turistiche moderne e sostenibili che rispettino gli standard ambientali e offrano servizi di qualità ai visitatori. Infine, la valorizzazione delle mete turistiche secondarie può contribuire a ridurre la pressione sulle destinazioni più popolari e distribuire in modo più equo i benefici del turismo su tutto il territorio nazionale. Questo richiede un approccio integrato che coinvolga le autorità locali, il settore privato e la società civile nella progettazione e nell’implementazione di strategie di sviluppo turistico sostenibile e inclusivo.

Orientare il turista

Orientare il turismo italiano verso una via più sostenibile e competitiva richiede un impegno congiunto e coordinato a livello nazionale e locale, con una particolare attenzione alla promozione della responsabilità sociale e ambientale come cardine della crescita economica nel settore turistico. Il turismo sostenibile si concentra sull’armonizzazione degli interessi delle comunità ospitanti, sulla tutela degli ecosistemi e sulla soddisfazione dei viaggiatori. Questo equilibrio richiede una pianificazione e una gestione oculate delle risorse naturali e culturali, che rappresentano un prerequisito fondamentale per un turismo responsabile. Ciò si realizza attraverso il monitoraggio costante dell’impatto ambientale delle attività turistiche, la promozione attiva della conservazione della biodiversità e l’adozione di approcci tecnologici avanzati per ridurre l’impronta ecologica del settore.

Motore fondamentale

In sintesi, il turismo continua a essere un motore fondamentale per la crescita economica dell’Italia. Tuttavia, è cruciale adattare l’intera filiera turistica alle nuove esigenze del contesto e dei viaggiatori moderni, che sono sempre più attenti alla qualità e al valore dell’esperienza di viaggio, nonché alla sostenibilità sociale e ambientale. Questo richiede un impegno costante nel promuovere pratiche turistiche responsabili e nel garantire che il turismo contribuisca in modo positivo allo sviluppo sostenibile del Paese, rispettando e valorizzando il suo patrimonio culturale e naturale per le generazioni future.

SCOPRI ALTRI ARTICOLI IN EVIDENZA

Nuovi orizzonti

Daniela Fatarella
La forza gentile delle donne contro le diseguaglianze
La lotta alla povertà, il ruolo delle donne, le alleanze tra non profit e aziende. Ne parliamo con Daniela Fatarella,…
Progetto Ager
Progetto Ager, dal suolo al campo
Giunge alla terza edizione il bando di ricerca Ager che intende migliorare la sostenibilità delle filiere agricole e l’adattamento delle…
Oltre la buccia c’è di più
Piccoli, ammaccati o semplicemente deformi. Presentandosi così, molti ortaggi vengono scartati e non raggiungono gli scaffali della grande distribuzione. Uno…

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: