Skip to content Skip to footer

Portale informativo dedicato alla cultura dell’agire

Espansione delle collaborazioni tra mondo accademico e imprese

Area geografica:
Scadenza:
19 Settembre 2024
Tipo agevolazione:
100% Contributo a fondo perduto
Settore attività:
Tutti
Beneficiari:
Tutti
Dotazione finanziaria:
3.500.000 €
Si prevede che i risultati dei progetti contribuiranno a quattro (4) o più dei seguenti risultati attesi:Una migliore integrazione degli istituti di ricerca, degli istituti di istruzione superiore, delle scuole professionali e di organizzazioni simili negli ecosistemi di innovazione europei, stabilendo collegamenti migliori con start-up e reti di start-up, acceleratori e incubatori, business angels e comunità di investitori;Miglioramenti dei flussi di conoscenze, competenze e talenti tra istituti di istruzione e altri attori dell'ecosistema dell'innovazione a vari livelli di sviluppo, anche nel campo della tecnologia profonda, in linea con la nuova agenda europea per l'innovazione;Miglioramento delle competenze di tutti gli attori coinvolti nell’ecosistema per aumentare il potenziale di innovazione, la mobilità intersettoriale e l’adozione da parte del mercato delle nuove tecnologie; Si mira alle competenze necessarie e rispondenti alle esigenze di innovazione e del mercato del lavoro in materia di competenze digitali, verdi e imprenditoriali, capacità di networking, assunzione di rischi e in particolare nel campo della tecnologia profonda;Migliori connessioni degli istituti di istruzione con test remoti di alta qualità, convalida e ampliamento delle innovazioni fornite dalle infrastrutture di ricerca e tecnologia in tutta l’UE;Miglioramento delle competenze di studenti, laureati, ricercatori e forza lavoro per lanciare, gestire e guidare start-up di successo e redditizie, anche nel campo della tecnologia profonda;Maggiore disponibilità di talenti locali dotati di competenze per supportare l’accelerazione e la digitalizzazione delle imprese;Rafforzamento dell’attività imprenditoriale nello sviluppo di ecosistemi di innovazione e della loro espansione e interconnessione in tutta l’UE, sostenuta dai cittadini e da iniziative locali al fine di costruire soluzioni innovative alle sfide attuali e future;Maggiore coinvolgimento e connessione con altri attori dell’ecosistema (ad esempio altre istituzioni educative, uffici di trasferimento tecnologico, organizzazioni di ricerca e tecnologia, imprese locali e regionali, aziende private, start-up, aziende in fase iniziale, acceleratori, incubatori, ecc.) all’interno e tra di loro regioni;Maggiore (auto) occupabilità dei giovani ed equilibrio di genere nelle collaborazioni.

Gruppo/i target: Ricerca e innovazione (attori correlati quali scuole professionali, istituti di istruzione superiore, autorità pubbliche nel campo dell'istruzione e dell'occupazione, agenzie per l'innovazione, PMI, aziende deep tech, Consiglio europeo per l'innovazione (EIC) e Consiglio europeo per l'innovazione Start-up e industrie dell'Istituto di innovazione e tecnologia (EIT), organizzazioni che svolgono attività di ricerca, uffici e associazioni di trasferimento di conoscenza e tecnologia, studenti e ricercatori.

Gli istituti di istruzione e ricerca sono considerati luoghi chiave per la produzione di conoscenza e l’innovazione e dovrebbero essere ben collegati all’interno e all’esterno dei rispettivi ecosistemi di innovazione regionali. Aumentando la connessione degli istituti di istruzione e di ricerca, le regioni ospitanti saranno in grado di aumentare il proprio vantaggio competitivo promuovendo e possibilmente attraendo talenti, aziende high-tech e stimolando la produzione di innovazione nell’area;

Tuttavia, a causa del diverso panorama dell’innovazione in Europa, gli istituti di istruzione e ricerca provenienti da ecosistemi di innovazione meglio connessi beneficiano di più acceleratori locali con maggiori opportunità di finanziamento e servizi di supporto alle imprese più qualificati rispetto alle loro controparti in altre aree, comprese le aree rurali o periferiche.

L’azione dovrebbe favorire la creazione di ecosistemi di innovazione con istituti di istruzione e ricerca o rafforzare i loro legami esistenti. Le proposte dovrebbero delineare attività volte a sostenere gli istituti di istruzione e di ricerca affinché assumano un ruolo imprenditoriale maggiore, ad esempio promuovendo l'innovazione e l'imprenditorialità nell'ambito delle loro attività. L'azione dovrebbe inoltre garantire che le risorse e la visione degli istituti di istruzione e ricerca siano articolati chiaramente e in linea con le rispettive specializzazioni regionali (come le strategie di specializzazione intelligente), in modo che possano essere facilmente integrati negli ecosistemi dell'innovazione e nelle catene del valore economico.

Le proposte dovrebbero sfruttare le migliori pratiche del settore pubblico e privato nei poli di innovazione più efficienti dell’UE e rafforzare le collaborazioni tra le imprese e gli attori della ricerca e dell’innovazione negli istituti di istruzione e ricerca. Le proposte dovrebbero basarsi sulle aree di interesse degli istituti di istruzione e ricerca e sul rapporto con l'innovazione, abbinando gli interessi regionali e aziendali (e, ove pertinente, integrare le strategie di specializzazione intelligente), al fine di massimizzare i punti di forza di ciascuna parte interessata e accelerare il progresso. Le proposte dovrebbero delineare attività che favoriranno la connessione degli ecosistemi dell’innovazione prevenendo la fuga dei cervelli e incoraggiando i talenti a rimanere nelle regioni emergenti, comprese le aree rurali. Solo fornendo ai talenti locali, compresi quelli femminili, conoscenze e opportunità per contribuire al settore privato locale o sviluppare le proprie attività, gli ecosistemi locali di innovazione possono espandersi sulla base di una crescita sostenibile e inclusiva. Le proposte dovrebbero valorizzare elevati livelli di competenze tecniche, anche nella tecnologia profonda, nello sviluppo di ecosistemi di innovazione con conoscenze ed esperienze pratiche nella gestione aziendale e nei processi di espansione internazionale.

L'azione sostiene programmi di attività co-progettati di almeno due (2) anni, proposti congiuntamente da istituti di istruzione, istituti di ricerca e altri attori di ricerca e innovazione provenienti da ecosistemi di innovazione "emergenti" e "moderati" e dal settore privato da poli di innovazione (" innovatori forti" e "leader dell'innovazione"), per garantire una migliore connessione tra gli istituti di istruzione superiore e gli organismi di ricerca con altri attori degli ecosistemi dell'innovazione, ad esempio:

  • Coinvolgimento di esperti aziendali nell'implementazione di attività di networking e nella costruzione di un ecosistema di innovazione attorno all'università/istituto di ricerca;
  • Coinvolgimento di studenti, laureati, ricercatori e forza lavoro di varie discipline e dipartimenti nell'ecosistema dell'innovazione, con particolare attenzione al networking e alla costruzione di reti attorno agli istituti di istruzione e ricerca come centri di gravità e al coinvolgimento nelle strutture aziendali e nei processi aziendali;
  • Coinvolgimento di studenti e ricercatori in start-up sia dal loro immediato ambiente locale che oltre (regionale, nazionale, transnazionale) lavorando con vari attori dell'ecosistema dell'innovazione per sperimentare cosa comporta l'avvio e la gestione di un'impresa, come la raccolta di fondi, la presentazione di eventi, creare, modificare e adattare modelli di business nel processo di creazione dall'idea al mercato, ecc.;
  • Creazione di sinergie tra studenti, laureati, ricercatori, innovatori, istituti di istruzione, organizzazioni che svolgono attività di ricerca e partner commerciali, a livello locale, a livello dell'UE e a livello globale mirando alla creazione di reti e comunità di pratiche nel campo della tecnologia profonda per stimolare il mercato l’adozione dei risultati e delle nuove tecnologie, nonché la loro co-creazione.
Se sei interessato ad approfondire la misura, non esitare a contattarci per ricevere una consulenza qualificata.

SEF Consulting

Potrebbe interessarti anche...

Ocm vino promozione sui mercati dei paesi terzi anno 2024/2025

Possono presentare domanda, i seguenti soggetti proponenti (beneficiari): le organizzazioni professionali, purché abbiano, tra i loro scopi, la promozione dei prodotti...

Progetti r&s nel settore aerospaziale

Non sono ammessi al finanziamento progetti comportanti costi e spese, riconosciuti ammissibili, inferiori a 5 milioni di euro se presentati...

Aiuti alle imprese agricole che coltivano grano duro campagna 2024

L’aiuto è richiedibile dalle imprese agricole che abbiano già sottoscritto, direttamente o attraverso cooperative, consorzi e Organizzazioni di Produttori riconosciute...

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

“La nostra mission consiste nel dotare i lettori di un magazine in grado di decifrare il vasto mondo della gestione d’impresa grazie a contenuti d’eccezione e alla collaborazione con enti pubblici e privati.”

Resta aggiornato. Iscriviti alla Newsletter Acta.

Versione digitale della testata cartacea Acta Non Verba, registrata presso il Tribunale di Napoli n. 2815/2020 del 23/6/2020.
Direttore responsabile: Mariano Iadanza – Direttore editoriale: Errico Formichella – Sede legale: Viale Antonio Gramsci 13 – 80100 Napoli
Per comunicazioni e contatti scrivere a: redazione@actanonverba.it

ActaNonVerba ©2024 – Tutti i diritti riservati – Developed by Indigo Industries

ActaNonVerba ©2024
Tutti i diritti riservati
Developed by Indigo Industries

Sign Up to Our Newsletter

Be the first to know the latest updates

Whoops, you're not connected to Mailchimp. You need to enter a valid Mailchimp API key.

Iscriviti per ricevere maggiori informazioni

Completa il captcha

Risolvi questo smplice problema: